A- A+
Milano

Tra fornitori e vertici del San Raffaele si era creato un "sodalizio criminale". Lo ha affermato il pm Luigi Orsi nel corso della requisitoria al processo sul dissesto finanziario del gruppo ospedaliero che vede imputati gli imprenditori Pierino e Gianluca Zammarchi, Fernando Lora e Carlo Freschi, accusati di associazione a delinquere e bancarotta fraudolenta. Il pm ha parlato di "interesse degli imprenditori a partecipare a una giostra criminale" nella quale Don Luigi Verze' e Mario Cal, all'epoca dei fatti presidente e vicepresidente della Fondazione San Raffaele del Monte Tabor, "drenavano risorse dalla Fondazione" che "versava in uno stato critico" a livello finanziario. Stando a questa ricostruzione, Verze' e Cal, entrambi deceduti durante le indagini, avrebbero fatto in modo "che fossero i fornitori a dare loro le risorse per pagare Pierangelo Dacco' e i suoi mandanti o pagare direttamente Dacco'". Lora a gli Zammarchi, padre e figlio, sono imprenditori accusati di avere dato un servizio particolare alla Fondazione, cioe' la "retrodatazione delle fatture gonfiate".

Tags:
san raffaelesodaliziopm







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.