A- A+
Milano
Uniti contro il razzismo: il premio "L'Altropallone" a Danilo

Uniti contro il razzismo: il premio "L'Altropallone" a Danilo

“Il calcio mi ha insegnato che abbiamo sempre bisogno l’uno dell’altro.” Preciso, pulito, senza sbavature, come un intervento da ultmo uomo direttamente sul pallone: Danilo Luiz da Silva riceve la XXV edizione del Premio L’Altropallone, conferito annualmente per meriti sociali ad una personalità dello sport che utilizza la pratica sportiva come veicolo per trasmettere valori di inclusione, educazione, uguaglianza.

Nel 2015, nella sua città natale, Bicas (Minas Gerais), Danilo ha fondato il progetto Futuro Re2ondo, un’accademia dove cen?naia di bambini e bambine hanno la possibilità di vivere ogni giorno un’esperienza di sport in chiave educativa, oltre a ricevere supporto scolastio, cure dentali, accompagnamento pedagogico e psicosociale. “Cerchiamo di trasmettere una speranza e un’opportunità” spiega Danilo, perché il calcio è lo strumento, non il fine: “Attraverso il pallone vogliamo dimostrare ai bambini che è possibile sognare, e anche se non si diventerà dei professionisti, si possa trovare comunque la felicità. Per questo anche avere una buona pagella è molto importante”.

Danilo: "Razzismo? La cosa principale è l'educazione, ripartiamo dai bambini"

Raggiunto da L’Altropallone a margine delle amichevoli della Selecao con Guinea e Senegal, Danilo ragiona sui diversi episodi di razzismo che si sono verificati nell’ultmo campionato di Serie A: “Secondo me la cosa principale è l’educazione, dobbiamo ripartire sempre dai bambini. Saranno loro che un giorno fermeranno il razzismo!”. E poi, una promessa ai tifosi bianconeri per la prossima stagione: “La Juventus non ci permette di non dare il 100% in ogni partita, sappiamo che ci aspetta una stagione difficile ma sogno di tornare a vincere: so quanto è bello farlo con questa maglia e con la nostra gente. Negli ultimi anni abbiamo sofferto un po’ di più di quello che pensavamo e ora possiamo e dobbiamo tornare a regalare una gioia a noi stessi e ai tifosi”.

L'associazione YouSport SocialClub

E se il “metodo Danilo” è universale, progetti simili sono replicabili in ogni angolo del pianeta, anche a Milano, dove l’associazione YouSport SocialClub coinvolge giocatori provenienti da tutto il mondo per parlare la lingua universale del pallone. Inclusione sociale, aggregazione di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, ma anche una squadra femminile con cui sconfiggere ogni pregiudizio di genere con uno slancio offensivo di passione e gioco di squadra, contro ogni forma di razzismo e discriminazione.

Il calcio accorcia le distanze tra sogni e realtà

Un assist unisce i campi polverosi di periferia ai campetti improvvisati nei cortili dei campi profughi, a ricordarci di come il calcio sia uno strumento per accorciare la distanza tra sogni e realtà. A Milano, giovedì 29 giugno, verrà consegnato il premio sPace all’associazione YouSport e il Premio L’Altropallone a Danilo Luiz da Silva e sarà ritirato da un membro del suo staff. Il calciatore sarà presente con una testimonianza video.  L’evento si svolgerà presso “Canottieri Milano”, Alzaia Naviglio Grande 160 alle 21:30.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
danilol'altropallone







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.