A- A+
Esteri
Chi è Alexander Lukashenko, il "garante" bielorusso di Prighozin

L'amicizia tra Putin e Lukashenko è sempre più solida. Analisi 

Da ieri Beppe Grillo non è più da solo nel suo ruolo di garante dei Cinque Stelle, ora ha un temibile concorrente in Alexander Lukashenko che è il garante di Putin nei confronti di Prighozin in questa strana storia russa. Infatti la brigata mercenaria Wagner ha preso la strada di Kiev, in Bielorussia, dove governa l’ultimo satrapo sovietico, Alexander Lukashenko.

Ma chi è il leader della Bielorussia e fedele amico di Putin? Nasce nel 1954 a Kopyś, un distretto della Bielorussia facente parte della regione di Vicebsk, nella parte settentrionale del Paese. Comunista, si laurea in Economia ed entra nell’Armata Rossa nel 1975, in piena Guerra Fredda. Vi rimane fino al 1982, con qualche interruzione. Nel 1985 è eletto direttore di una fattoria di Stato, una delle tante che martoriavano in Paese in nome del comunismo staliniano e che nel 1932 portò in Ucraina alla carestia che provocò milioni di vittime. Tuttavia Lukashenko continua a studiare e nel 1985 si laurea in Agricoltura, visto che l’Ucraina viene definita “il granaio d’Europa”.

LEGGI ANCHE: Rivolta Wagner a Mosca, i soldi meglio darli a Prigozhin che a Zelensky

A 36 anni compie il grande salto e viene eletto nel Soviet Bielorusso a capo del partito da lui stesso fondato, “Comunisti per la Democrazia”. Siamo nel 1990, alle battute finali dell’impero sovietico che sarebbe caduto nel dicembre del 1991 causa manovre spericolate di Michail Gorbaciov. In seguito dirà di esser estato l’unico a votare contro lo scioglimento dell’URSS e alla formazione della Comunità di Stati Indipendenti, la CSI che ha sede proprio a Minsk, la capitale della Bielorussia. Ma occorre attendere il 1994 per la sua definitiva consacrazione politica con l’elezione a primo Presidente democraticamente eletto in Bielorussia.

Il suo programma politico, coerentemente con il partito da lui fondato, era mirato a limitare le privatizzazioni. In effetti il suo esecutivo si caratterizzò per misure di controllo dei prezzi e dell’inflazione dilagante, raddoppiò il minimo salariale e cercò di proteggere i bielorussi dall’impatto con il libero mercato che stava assumendo in quel tempo nell’ex URSS l’aspetto di una sorta di turbocapitalismo senza regole che portò poi alla nascita degli oligarchi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alexander lukashenkoprighozinputin





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.