A- A+
Milano

La polizia di Milano, in collaborazione con la polizia penitenziaria, ha contestato nuovi episodi di violenza a don Alberto Barin, l'ex cappellano di San Vittore arrestato nel novembre dello scorso anno per concussione e violenza sessuale continuata e pluriaggravata. Barin, attualmente incarcerato nel carcere di Bollate, sceglieva le sue vittime tra i detenuti che avrebbe dovuto aiutare, e chiedeva loro prestazioni sessuali in cambio di favori, come generi di conforto o telefonate alle famiglie.

Le vittime conclamate, finora, erano sei, tutte tra i 20 e i 30 anni, originari dell'Africa o dell'Europa Orientale, a cui oggi si aggiungono altre cinque persone, tutte di origine magrebina. I nuovi episodi di violenza sono stati accertati anche grazie alle intercettazioni, e il primo risale al 2002. Don Alberto aveva ricoperto il ruolo di cappellano di San Vittore per 15 anni. L'ordinanza relativa ai nuovi casi e' stata emessa dal gip di Milano Enrico Manzi.

Tags:
violenza sessuale







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.