A- A+
Politica
Basta con l'attacco alla Costituzione. La pandemia non può limitare i diritti
(fonte Lapresse)


Di David Monti, ex magistrato

E’ sorto un recente dibattito per stabilire se il Governo italiano abbia o meno violato norme fondamentali della Costituzione nel suo agire concreto e nella scelta dei provvedimenti da adottare per fronteggiare la pandemia.

Personalmente sono stato dalla parte di Gustavo Zagrebelsky nel ritenere non violate, nella sostanza, la prassi ed il dettato costituzionali ed ho ritenuto eccessive le critiche in senso contrario, specie nella concreta situazione del dilagare del virus e della drammatica necessità di farvi fronte.

Oggi, però, occorre ribadire che la Costituzione Repubblicana non può essere definitivamente attaccata e violata ricorrendo, in modo stabile e permanente, allo stato di necessità.

Ricordo, dai miei anni giovanili, uno slogan che riecheggiava ai tempi del confronto nucleare fra le superpotenze: “meglio rossi che morti”, orbene non credo che si possa traslare oggi questa asserzione in: “meglio sudditi che  contagiati”, perché nemmeno una pandemia deve spingersi a vanificare le libertà costituzionali.

Dico questo perché si ode un Ministro della Repubblica, tal onorevole Boccia Francesco, titolare degli Affari Regionali,  dire che alla data del 3 giugno ed in presenza dell’attuale trend epidemiologico, saranno consentiti gli spostamenti interregionali solo  fra Regioni “a basso rischio”.

L’affermazione  è apparentemente di buon senso e sicuramente detta dal Ministro nella lodevole intenzione di impedire una reviviscenza del contagio su scala nazionale.

L’apparenza, però, a volte inganna e può celare qualcosa di grave dal punto di vista costituzionale, specie se non sufficientemente meditata.

E’ noto che il Governo ha  emanato delle “pagelle” con indici per la classificazione del livello di rischio nelle varie Regioni.

Si tratta, per lo più, di criteri astrusi e scientificamente inattendibili, come l’ottimo Alessandro Marenzi vicedirettore di Sky, ripete ogni sera.

E’ bene allora chiarire: l’art. 16 della Costituzione vieta le limitazioni alla libertà di movimento sul territorio nazionale, a meno che non sussistano ragioni sanitarie tali da consentire questa limitazione, limitazioni stabilite dalla “ legge in via generale” e non certo da provvedimenti amministrativi.

Le limitazioni per ragioni sanitarie devono rispondere ai principi di proporzionalità e ragionevolezza rispetto al livello  di rischio.

Quale è allora la ragione costituzionale che impedisce ad un residente nella Regione Lombardia di muoversi su tutto il territorio nazionale? Esiste una limitazione  che lo stabilisce “per legge ed in via generale?”.

No, non esiste, ma vogliamo dire di più: se una persona residente in Lombardia si sottopone, volontariamente, ai test medici, in un lasso di tempo che viene comunemente accettato per stabilire o negare la positività al contagio, sulla base di questo accertamento c’è qualcuno che può impedirgli di spostarsi su tutto il territorio nazionale, si ripete e si ribadisce, tanto più in assenza di un divieto di legge?

E’ ovvio che la risposta è: no, non è possibile su questa base limitare un diritto costituzionale immediatamente precettivo.

Quindi, basta,  con il limitare la libertà delle persone, soprattutto dei cittadini osservanti delle norme.

La proposta quindi è molto chiara: muovetevi nel solco della Costituzione, stabilite con legge (anche urgente) che dal 3 di giugno, chi vuole spostarsi da una regione ritenuta a rischio ad un'altra, e per ragioni diverse da quelle oggi consentite, lo può fare previa sottoposizione a test che ne accerti  le condizioni di salute.

Questo è conforme a Costituzione, non lo è invece un divieto di mero carattere ammnistrativo.

Non vorremmo che qualcuno ci  avesse preso gusto a non considerare nemmeno la Costituzione.

Loading...
Commenti
    Tags:
    costituzione pandemia
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid-19 alla gravidanza
    I calcoli alternativi di Gallera

    i più visti
    in vetrina
    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo

    Nuova Mercedes Classe E coupe’ e cabrio, ora il look è sportivo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.