A- A+
Politica
Berlusconi all'attacco sulla giustizia: "Sentenze assoluzioni non appellabili"

Elezioni, Berlusconi rilancia una proposta di Forza Italia in tema di giustizia. Stop dall'Anm 

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nella pillola quotidiana di campagna elettorale rilancia una proposta del partito in tema di giustizia: "Quando governeremo noi, le sentenze di assoluzione, di primo o di secondo grado, non saranno appellabili. Un cittadino, una volta riconosciuto innocente, ha diritto di non essere perseguitato per sempre. Anche perché perseguitare gli innocenti significa lasciare i veri colpevoli in libertà".

"Oggi cominciamo a parlare di giustizia. In Italia, ogni anno migliaia di persone vengono arrestate e processate pur essendo innocenti. Il processo è già una pena, che colpisce l'imputato, ma anche la sua famiglia, i suoi amici, il suo lavoro. Per questo non deve trascinarsi all'infinito, in appelli e controappelli", ha spiegato Berlusconi. "Se sei d'accordo, se anche tu pensi che la presunzione di innocenza sia alla base della nostra civiltà giuridica, il 25 settembre devi andare a votare e devi votare Forza Italia", ha concluso il Cav. 

GUARDA IL VIDEO

Riguardo  la proposta sull'inappellabilità delle sentenze di assoluzione, il presidente dell'Anm, Giuseppe Santalucia, ha dichiarato: "La questione era stata affrontata dal legislatore nel 2006 con la legge Pecorella e la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima quella legge". "Ci sono principi costituzionali, ha sottolineato, che devono essere necessariamente rispettati. Il tema puo' essere discusso ma non rappresento nei termini che ho letto, ossia che migliaia di persone siano ingiustamente sotto processo. Questo non rende giustizia al difficile lavoro dei tribunali e del corti nell'accertamento della verita' dei fatti".

Mentre sui social il Cav ha ribadito che "quello del Pd è il programma di un partito che sa di andare verso la sconfitta. Non hanno un'idea nuova e concreta di Italia: ci sono le bandiere ideologiche: legge Zan, ius scholae, cannabis. Ci sono un po' di mance elettorali per i giovani e finanziate con la patrimoniale". 

Elezioni, Berlusconi corre a Monza, Renzi capolista per Azione-Italia Viva 

Infine, a proposito di candidature il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi sarà candidato al Senato nel collegio uninominale della 'sua' Monza, citta' dove ha portato la squadra di calcio a conquistare la serie A. Questo oltre alle candidature come capolista, che dovrebbe essere in cinque regioni. Sara' invece capolista al Senato nel proporzionale a Milano (e probabilmente Monza) Matteo Renzi per la lista Azione-Italia Viva. Mentre nel proporzionale alla Camera potrebbe essere capolista a Milano o a Brescia Mariastella Gelmini. A Milano a contenderle il primo posto potrebbe esserci il deputato Enrico Costa. E resta l'incognita della possibile candidatura dell'ex sindaco Gabriele Albertini. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    berlusconielezioni





    in evidenza
    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

    Affari va in rete

    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

    
    in vetrina
    Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura

    Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura


    motori
    Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

    Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.