A- A+
Politica
Berlusconi assolto non scioglie i nodi. Resta il caso Silvio-Zelensky
Zelensky

Berlusconi assolto dal Ruby Ter

«Sono stato finalmente assolto dopo più di undici anni di sofferenze, di fango e di danni politici incalcolabili, perché ho avuto la fortuna di essere giudicato da magistrati che hanno saputo mantenersi indipendenti, imparziali e corretti di fronte alle accuse infondate che mi erano state rivolte».

Così ieri Silvio Berlusconi ha commentato con una nota vergata di suo pugno l’assoluzione nel Ruby Ter.

La buona novella è arrivata ad Arcore portata dagli dei della serenità all’ora di pranzo, un po’ prima di quando fosse in realtà attesa.

Da quel momento Berlusconi non è riuscito neppure a sedersi a tavola a causa dello squillare ininterrotto dei telefoni di chi si voleva congratulare.

Il giorno prima Giorgia Meloni aveva ritirato la costituzione di parte civile del governo. Un atto che tardava a venire e che era ulteriore fonte di tensione, dopo l’uscita anti – Zelensky di qualche giorno prima.

«Quello che ho dovuto passare, solo io so che significa un massacro così, solo io». Così Berlusconi si sfogava con i suoi passeggiando nell’ampio parco, vestito di un cappotto e con il cappello contro il freddo ancora pungente, soprattutto per un uomo che ha 86 anni.

Resta ancora il processo Tarantini sulle Escort ma dopo questa sentenza ad Arcore sono tutti ottimisti.

La sua nota è stata giustamente contenuta, moderata lasciando lo sfogo più alle sue due figlie, Marina e Barbara.

Berlusconi – dicevamo - si è mantenuto comunque su una linea di sobrietà, non ha voluto calcare la mano anche perché, come detto, c’è ancora un processo in corso.

Restano le iniziative già avviate, come quella della separazione delle carriere dei magistrati, che però lui lascia al suo partito e di cui non parla.

Ora resta aperta la questione Ucraina. E non è senza una certa soddisfazione che alcuni giornaloni hanno accolto la sentenza, non perché fossero divenuti improvvisamente filoberlusconiani ma perché fanno un ragionamento più articolato.

La mossa della Meloni di ritirare il governo dalla parte civile nel processo è stata vista come un tentativo di porre un argine alle dichiarazioni di Berlusconi contro Zelensky che hanno turbato alquanto Kiev, Washington e Bruxelles.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconi assolto meloni zelensky





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.