A- A+
Politica
"Blocca il voto su Doha". Panzeri, Giorgi e i trolley gonfi di denaro. Le chat
Antonio Panzeri

Qatar-gate, Panzeri: "Vengono anche mia figlia e il marito a Marrakech"

Lo scandalo denominato Qatar-gate si ingigantisce sempre di più. Adesso spuntano due nuovi elementi chiave che fotografano le intenzioni del gruppo. Le telecamere inquadrano l'incontro in un hotel di lusso a Bruxelles tra l'ex eurodeputato Antonio Panzeri, il suo assistente Francesco Giorgi e il ministro del Lavoro di Doha. Secondo gli inquirenti - si legge su Repubblica - è proprio quel 10 ottobre scorso in un summit che sarebbe avvenuto lo scambio di denaro, Panzeri e Giorgi entrano con un trolley apparentemente vuoto e quando escono le valigie sono gonfie. La famiglia Panzeri non aveva valutato la possibilità di trascorrere questo Capodanno in carcere. In calendario – dopo il viaggio a Doha in autunno a spese, secondo quello che emerge dall’indagine, del governo del Qatar – c’erano otto giorni al Mamounia, uno dei più begli alberghi del mondo, a Marrakech. Chiaramente a carico del Marocco. "A proposito vengono pure mia figlia e il marito", diceva Panzeri all’amico ambasciatore, Abderrahim Atmoun. "Anche lui!". "E dai sei un rompi scatole", ridevano, come due vecchi amici quali erano.

Leggere le intercettazioni telefoniche - prosegue Repubblica - dà il senso su come il gruppo Panzeri si muovesse per raggiungere gli obiettivi dei loro "datori di lavoro". "Infiltrare e inquinare la democrazia europea", come scrive il giudice belga Micheal Claise. Panzeri sapeva che il canale che aveva aperto con il Marocco e il Qatar poteva dargli grandi soddisfazioni. Tanto che, nonostante fosse ufficialmente fuori dal Parlamento, progettava investimenti immobiliari, con la sua amica Maria Arena. "Conosci Nizza di Sicilia? È un paese a un’ora da Catania…c’è una piccola casa sul mare, la vendono a 40mila euro!». Sarebbero dovuti andare a vederla. Ma, poi, le cose sono andate diversamente. È il 14 novembre, giorno in cui si riuniscono a Bruxelles le commissioni “Diritti dell’Uomo” e “Libertà civili, Giustizia e Affari interni”. In Belgio sono presenti in aula diversi ufficiali del Qatar per verificare che tutto vada come deve. Il loro uomo è Francesco Giorgi che riporta quello che sta accadendo al telefono con Panzeri. L’ex deputato Pd non sta fermo un attimo, Anzi: si adopera per pilotare gli interventi in favore dell’emirato. Si assicura che ci sia la “ragazza”, ovvero Moretti. Chiede a Giorgi se ha suggerito a Tarabella di intervenire, quando lui gli dice di averlo fatto, gli suggerisce di dire: "Non vedevo questo interesse 4 anni fa quando c’erano i Mondiali in Russia".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio panzerifrancesco giorgiqatar-gate





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.