A- A+
Politica
esplosione di Shalabayeva

Il Pdl fa quadrato in difesa del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, indicato da piu' parti come il vero responsabile del caso di Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente Kazako Ablyazov rimpatriata assieme alla figlioletta di sei anni con l'accusa di aver falsificato il passaporto. "Senza di lui il governo non va avanti", dichiara il capogruppo alla Camera Renato Brunetta. Da Palazzo Grazioli, poi, e' arrivata la smentita alle voci che parlavano di un incontro che avrebbe avuto luogo il 6 luglio, tra Silvio Berlusconi e il presidente Kazako Nazarbaev: "Non si sono mai visti", si legge in una nota.

"Mi sembra ovvio che Letta non andrebbe avanti - dice Brunetta - le mozioni di sfiducia individuale sono un atto aberrante, non previsto dalla Costituzione, che di solito rafforzano il governo e indeboliscono chi le presenta". Parole sottoscritte dal presidente dei Senatori Pdl, Renato Schifani: "Chi spinge per le dimissioni restera' deluso. L'unico problema, secondo talune linee editoriali, e' diventato il caso Shalabayeva e le eventuali responsabilita' del governo", spiega Schifani riferendosi a un editoriale di Ezio Mauro in cui il direttore di Repubblica accosta il ministro, ma anche Emma Bonino, a Ponzio Pilato e chiede "le dimissioni tardive ma inevitabili di Alfano".

"Il partito 'Repubblica' vuole usare Alfano come bomba umana per fare esplodere il governo Letta-Alfano, ma non per l'interesse del Paese e degli italiani coi loro tanti problemi, ma per l'interesse del suo candidato Renzi", accusa Daniela Santanche'. Ma le parole della deputata del Pdl sono state duramente criticate dal Pd e in particolare dai renziani. "La risposta sguaiata della Santanche' conferma una volta di piu' la sua totale inadeguatezza a rivestire qualunque carica istituzionale, a partire dalla vicepresidenza della Camera", ha commentato Dario Nardella.

Santanche' "e' un fedele kamikaze ma si e' buttata sull'obiettivo sbagliato. Matteo Renzi sostiene convintamente Enrico Letta", ha assicurato Ernesto Carbone. E anche il bersaniano Alfredo D'Attorre ha chiesto al Pdl di cambiare bersaglio. "Consiglierei a Brunetta e Santanche' di piantarla di strumentalizzare scompostamente il dibattito interno del Partito Democratico per propri fini", ha detto. Da Fratelli d'Italia e' Giorgia Meloni a ironizzare sul fatto che Letta, Alfano e Bonino abbiano assicurato di essere all'oscuro della vicenda, ammettendo implicitamente di essere "ministri a loro insaputa".

MOZIONE - "Alfano si dimetta" immediatamente. Lo chiede una mozione di sfiducia del gruppo parlamentare del MoVimento 5 Stelle alla Camera dopo la gestione imbarazzante del caso della famiglia Ablyazov, dissidente kazako, in cui la moglie Alma Shalabayeva e la sua figlioletta "sono state strappate a forza dal loro letto e tradotte in un Cie per essere rimpatriate in tempi record in base alla falsa informazione di passaporti non validi".

"Il Viminale - e' il commento del capogruppo M5S alla Camera, Riccardo Nuti - non poteva non sapere e, se non sapeva, significa che nel nostro Paese c'e' una polizia parallela che agisce a propria discrezione e all'insaputa dei vertici soprattutto considerando che la notizia era online fin dal 5 Giugno scorso. Anche la dignita' italiana e' stata calpestata, nell'ignorare brutalmente i diritti umani di una bambina e della sua mamma. E tutto - conclude Nuti - solo per obbedire agli ordini di uno Stato straniero".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
shalabayeva
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Juventus calciomercato: rivoluzione dopo Vlahovic. Una grande cessione e 2 colpi a parametro zero

Juventus calciomercato: rivoluzione dopo Vlahovic. Una grande cessione e 2 colpi a parametro zero


casa, immobiliare
motori
Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi

Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.