@Tommaso5mani

claudio fava@Tommaso5mani

claudio fava@Tommaso5mani

claudio fava
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

claudio fava
Con il Pdl "il Pd farà ciò contro cui si è costituita l'alleanza 'Italia Bene Comune'. Non siamo noi che stiamo rivedendo l'alleanza, è il Pd che lo sta facendo". Claudio Fava, onorevole ed ex coordinatore nazionale di Sel, con una intervista ad Affaritaliani.it lancia la proposta di un nuovo soggetto politico, "un luogo nel quale si possano riconoscere Nichi Vendola, Michele Serra, Barbara Spinelli, Fabrizio Barca…". E proprio al ministro della Coesione territoriale riserva parole di elogio: "E' una persona leale nel dire ciò che pensa e che rappresenta una risorsa per la sinistra. Coglie la voglia di cambiamento diffusa nel popolo del Centrosinistra". E aggiunge: "L'incontro dell'8 maggio sarà l'inizio di questa fase".


Durante il voto per l'elezione del nuovo inquilino del Quirinale, voi di Sel avete sostenuto compattamente Stefano Rodotà, presentato dal M5S. Il Pd invece ha puntato su Giorgio Napolitano, insieme a Pdl e Lega Nord. La vittoria di Napolitano mette in pericolo l'alleanza tra Pd e Sel?
"Non è tanto la scelta di Napolitano in sé, quanto le prospettive politiche che si aprono adesso. Napolitano ha chiesto, anche opportunamente vista la situazione, di varare un governo che probabilmente sarà di larghe intese. Un altro Presidente della Repubblica avrebbe potuto fare diversamente e delineare un diverso quadro politico. Il Pd probabilmente farà ciò contro cui si è costituita l'alleanza 'Italia Bene Comune'. Non siamo noi che stiamo rivedendo questa alleanza, è il Pd che lo sta facendo".

Non tutto il Pd però ha votato convintamente Napolitano. Si contano molti 'mal di pancia'…
"Sì, però nei fatti quella parte del Pd che non voleva Napolitano avrebbe potuto non partecipare alla standing ovation o portare una propria proposta su Stefano Rodotà Presidente. Invece solo poche voci isolate hanno dissentito, come quelle di Casson o Mineo. Alla fine sono dieci voti in più si contano per Rodotà...".

Una delle personalità del Pd che si è espresso contro il voto a Napolitano e ha auspicato che il Pd convergesse su Rodotà è stato Fabrizio Barca. Come valuta questa uscita del ministro?
"E' una persona leale nel dire ciò che pensa e che rappresenta una risorsa per la sinistra. Coglie un sentimento molto diffuso nel popolo del Centrosinistra, nella base, tra i nostri elettori e quelli del Pd o di Grillo. Il Pd ha pagato nelle urne pesantemente quest'anno e mezzo di governo con Monti. Ma non ne ha fatto tesoro".

I giornali parlano di una possibile convergenza tra Sel, una parte del Pd e Barca. Si tratta di invenzioni giornalistiche?
"Non si deve immaginare la fusione di pezzi di partito diversi. Bisogna costruire un luogo politico di rappresentanza di quell'Italia che si è espressa con il sostegno a Rodotà, con questa forte istanza di cambiamento. Una parte è rappresentata da Grillo che ha un messaggio più radicale e meno politicamente fondato. Ma io penso che c'è una Italia civile, di sinistra, non ideologicamente tarata, che però sente il cambiamento come una priorità assoluta. Io immagino un luogo politico nel quale si possano riconoscere Nichi Vendola, Michele Serra, Barbara Spinelli, Fabrizio Barca…".

Il momento giusto per lanciare questo 'luogo' potrebbe essere l'incontro dell'otto maggio?
"L'otto maggio dovrebbe essere l'inizio di questa fase. Ma ci tango a dire una cosa…".

Dica.
"Sarà l'opposto di Sinistra Arcobaleno, non sarà una collezione di bandiere. E' il racconto di un Paese che c'è e che vuole essere rappresentato".

Vendola ha usato il termine 'nuova sinistra di governo'...
"Nuova, perché c'è bisogno di novità, qualcosa che guarda avanti. E di governo perché il nostro obiettivo è questo, governare. Non vogliamo consolare gli italiani, vogliamo cambiare l'Italia".

Tags:
claudio favabarcabersanipdsel
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.