A- A+
Politica
Conte, Di Maio, Casalino, Renzi: tutti al Copasir per i casi Libia/Barr/007
LaPresse

Con la crisi di governo ancora da archiviare, per il presidente del Consiglio non è ancora il momento di tirare il fiato. Infatti il premier, insieme al ministro degli Esteri Luigi Di Maio e al suo portavoce Rocco Casalino, dovrà presentarsi di fronte al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir) per riferire sulla vicenda della liberazione dei pescatori italiani in Libia. Il Copasir ascolterà anche il direttore dell'Aise Giovanni Caravelli. Il Comitato presieduto dal leghista Raffaela Volpi "ha determinato una serie di audizioni da calendarizzare, concernenti tematiche emerse nella contingenza. In relazione al dossier definibile 'pescatori-Libia', sia per le attività svolte sia per le modalità operative e di sicurezza adottate, il Comitato intende audire il presidente del Consiglio, il ministro degli Esteri, il direttore dell'Aise e del capo ufficio stampa di palazzo Chigi e portavoce del presidente del Consiglio". Inoltre, l'Ufficio di Presidenza ha approvato "in relazione al presunto hackeraggio del sito della Presidenza del Consiglio, le audizioni del capo Ufficio stampa di palazzo Chigi, ingegner Casalino".

Nella più "complessiva valutazione della gestione della sicurezza informativa operativa della Presidenza del Consiglio, il Copasir intende audire il segretario generale della Presidenza del Consiglio dottor Chieppa". Altra questione, altra convocazione: in audizione infatti ci sarà anche il prefetto Gennaro Vecchione, direttore generale del Dipartimento delle informazione per la sicurezza, in merito ai presunti contatti tra l’intelligence e alcuni parlamentari in vista del voto di fiducia al governo giallorosso di ieri e ieri l’altro. La questione è venuta fuori dopo un editoriale di Massimo Giannini, direttore del La Stampa, secondo cui “le cronache narrano di senatori contattati da noti legali vicini al premier, da presidenti di ordini forensi a nome dello Studio Alpa, da generali della Guardia di Finanza, dai amici del capo dei servizi segreti Vecchione, da arcivescovi e monsignori vicini al cardinal Bassetti e altri prelati vicini alla Comunità di Sant’Egidio”, ricostruzioni che sono state smentite dalla Guardia di Finanza, dalla Comunità di Sant’Egidio e da Palazzo Chigi. Infine, il Copasir audira' il senatore di Italia Viva Matteo Renzi "al fine di arricchirsi di ulteriori ed eventuali notizie relative alla vicenda riguardante la visita nel 2019 del procuratore generale Barr".

Commenti
    Tags:
    conte copasircasalino copasirrenzi copasirbarrcaso barrpescatoricopasirpescatori libiagiuseppe conteluigi di maiorocco casalinomatteo renzi
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    “Live non è la D’Urso” chiude Colpo a Barbara e a Crippa

    Confermati i rumors...

    “Live non è la D’Urso” chiude
    Colpo a Barbara e a Crippa

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5: due clamorose eliminazioni. Colpo di scena: usciranno..

    Grande Fratello Vip 5: due clamorose eliminazioni. Colpo di scena: usciranno..


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G

    Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.