A- A+
Politica
Di Battista presenta “Schierarsi": roba vecchia e stantia, riciclata da Grillo
Alessandro Di Battista

 

Piccoli grilli crescono ma non saltano

Da qualche tempo si aveva notizia del “movimentino” di Alessandro Di Battista, “Schierarsi”, una associazione culturale che serve a: “Trasformare il pensiero in azione, fare progetti insieme, raccogliere fondi, inventarsi idee per aiutare e sostenete le giuste cause come la questione palestinese”.

Trasformare il pensiero in azione”, roba che neppure Hegel.

Manca solo il “Faccio cose e vedo gente” di Ecce bombo di morettiana memoria e il quadro è completo. Intanto è prassi dire che “migliaia di persone hanno aderito”, perché –come noto- quando c’è, il “numero è potenza”.

Questa “cosina gialla” era in realtà attesa per le scorse politiche del settembre 2022 ma clamorosamente non se ne fece niente e Di Battista rimase di nuovo appiedato.

Lui è vestito da figo postmoderno, con jeans e camicia blu rigorosamente arrotolata sulle braccia. Peccato che dietro i giovinotti digiuni di politica ma ancor più di organizzazione continuino a muoversi sullo sfondo, ciondolando alle sue spalle e provocando un inquietante effetto oratorio.

Durante la presentazione le idee gli sgorgano come acqua chiara e sorgiva dal microfono, ma sono le solite, peraltro abbastanza balzane.

L’ex deputato vuole una casa farmaceutica pubblica per mettere un freno a Big Pharma causa –secondo Di Battista- della «scandalosa assenza di vaccini prodotti in Europa». E poi c’è il sempreverde tema della guerra in Ucraina in cui andando controcorrente trova sempre qualche riflettore disposto ad accendersi: «Chi dissentiva veniva dichiarato putiniano ma adesso si scopre che aveva ragione». Embè? Cioè era veramente putiniano? Quindi c’avevano ragione i critici. Vabbè un po’ di allentamento delle giunture logiche del discorso fanno sempre la loro porca figura perché sembra che dietro ci sia nascosto qualcosa di intelligente.

Ai tempi belli e peppinelli del Primo Movimento Beppe Grillo straparlava di magiche palline da lavatrice che lavavano senza detersivo e quindi Di Battista, fedele al copione atavico del Padre Padrone del Movimento, lancia un sempreverde (è il caso di dirlo) dell’ambientalismo e cioè un “servizio civico ambientale”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
di battista





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.