A- A+
Politica
Elisa Isoardi su Rai1 in prima serata. Terremoto Rai, voci e rumor

Rai, bisognerà attendere il Festival di Sanremo prima di muovere le pedine nelle cosiddette direzioni di genere

Il 2023 sarà un anno cruciale per Viale Mazzini. Manager e politici dovrebbero preoccuparsi più che altro degli ascolti (la differenza con Mediaset nel 2022 è stata di un punto di share nel giorno medio contro i 4,2 del 2021 e i 3,2 del 2020) e degli introiti pubblicitari (se ne vedranno delle belle sul tetto fissato per legge), ma ancora una volta a far parlare corridoi e stanze sono i gossip e le lottizzazioni.

A dire il vero sembrerebbe tutto fermo, a parte un braccio di ferro sui vicedirettori del Tg2 dopo che Fratelli d'Italia ha fatto valere il peso elettorale imponendo Nicola Rao. La Lega chiede spazio, ma l'amministratore delegato Fuortes starebbe lavorando per tenere buono il PD. Questa la fotografia nel concreto. Ma come si sa, nel silenzio si lavora eccome. La poltrona più ambita è quella del Tg1 dove Monica Maggioni sta compiendo un miracolo di equilibrismo nel rispondere alla sua area di riferimento, il centrosinistra, senza scontentare i nuovi padroni di casa.

E proprio da casa sua arrivano le critiche dopo la scelta di non trasmettere le immagini dell'azione degli ambientalisti di Ultima generazione contro il palazzo del Senato. L'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, ha alzato la voce e qualcuno ha voluto leggerci un segnale. Se il Tg1 resta a guida centrosinistra, al momento, e il Tg2 si è colorato di tricolore, il Tg3 è la nuova mira dei Cinquestelle, rassicurati dagli ultimi sondaggi nonostante la vacanza vip del leader Giuseppe Conte in un albergo da 2500 euro a notte.

Non sono pochi i vicedirettori e caporedattori che si sono mossi per sollecitare i grillini in questa direzione. Bisognerà invece attendere il Festival di Sanremo prima di muovere le pedine nelle cosiddette direzioni di genere. Qui fa gola la poltrona di Stefano Coletta, dominus dell'intrattenimento del Prime Time, la fascia dove si formano le opinioni di molti italiani. Se dovesse restare, inevitabilmente dovrebbe lasciare spazio a qualche volto gradito al centrodestra.

E qui il nome di peso è quello di Elisa Isoardi: il suo programma "Vorrei dirti che..." su Raidue non sta facendo il pieno di ascolti ma sta restituendo storie belle e ben raccontate. Come riferisce anche il settimanale Oggi, il programma non si tocca, ma la bomba è un'altra: Elisa potrebbe sbarcare a breve su Raiuno addirittura in prima serata. Dopo la prova del cuoco, per la brava e bella conduttrice sarà una prova del fuoco. A partire dalle prevedibili critiche preventive.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
elisa isoardi rai nomine





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve

Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve


motori
Alfa Romeo, dal DTM alle Super 2000 in scena al Museo Alfa di Arese

Alfa Romeo, dal DTM alle Super 2000 in scena al Museo Alfa di Arese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.