A- A+
Politica
Emilia, ipotesi Bonaccini commissario. "Una beffa per i morti e gli sfollati"
Emilia Romagna, il presidente Stefano Bonaccini. Foto Lapresse

Alluvione in Emilia. La scelta del commissario e il precedente Bassolino

I disagi a causa dell'alluvione in Emilia Romagna continuano e mentre si continua a spalare il fango nelle zone colpite, il governo è pronto ad intervenire con i primi aiuti economici e i provvedimenti straordinari. Oggi si terrà un Consiglio dei ministri ad hoc. Tra le varie questioni da affrontare c'è anche quella relativa alla nomina del commissario che dovrà occuparsi dell'emergenza. Il Pd, a nome della segretaria Elly Schlein, - si legge su La Verità - ha avanzato la candidatura dell'attuale presidente Stefano Bonaccini. Ma sul nome del presidente dell'Emilia non c'è unità, qualche parlamentare di destra infatti storce il naso dopo le accuse che esperti di territorio gli hanno mosso: "L'alluvione è anche colpa sua, a causa di una legge del 2017 che autorizzava il maggior consumo di suolo". In caso di nomina da parte del governo, il controllato sarebbe anche il controllore.

Leggi anche: Alluvione in Emilia Romagna: Bonaccini senza pudore, vada a casa

Leggi anche: Alluvione, Bonaccini ko. Mezza protezione civile in ufficio non sul territorio

In Emilia Romagna al momento - prosegue La Verità - ci sono 40mila sfollati, 280 frane attive in 60 comuni, 400 strade distrutte e danni quantificabili in 6/7 miliardi. Il governo Meloni è chiamato a prendere una decisione importante sul futuro della Regione storicamente guidata dalla sinistra. Per qualcuno la scelta di Bonaccini sarebbe una beffa per le 14 vittime e i 40mila sfollati con case, aziende, fattorie ed esercizi commerciali distrutti. Affidare la regia dell'emergenza a chi secondo vari esperti del territorio, avrebbe responsabilità politiche sull'accaduto, significherebbe frustrare quel forte sentimento di solidarietà che in queste ore cementa gli italiani che spalano il fango. Il caso di Bassolino in Campania crea un precedente, il commissario dell'emergenza, che era anche presidente di Regione, fu nominato e poi sostituito dall'ex premier Prodi perchè insoddisfatto del suo operato.

Pichetto Fratin: "Nessuna proposta per Bonaccini commissario"

Sulla possibile nomina di Stefano Bonaccini come commissario per il dissesto, Gilberto Pichetto Fratin, ospite di Non Stop News su RTL 102.5 in compagnia di Enrico Galletti, Giusi Legrenzi e Massimo Lo Nigro, dichiara: "La nomina di Bonaccini come commissario è una valutazione che spetta al governo. Al momento, non c'è ancora una proposta in tal senso. Nel caso in cui ci fosse, valuterò le condizioni e prenderò una decisione".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
emilia romagnastefano bonaccini





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.