A- A+
Politica
Ilaria Salis: "Ecco perché occupavo le case". Ma la sua famiglia ha il villino
Ilaria Salis

Ilaria Salis: "Giusto occupare le case, non si toglie niente a nessuno"

Continua la polemica sull'occupazione di case disabitate, Ilaria Salis rilancia la questione e polemizza con l'Aler, l'ente che gestisce le case popolari di Milano che le contesta un debito di 90mila €. "La polizia - dice la neo eurodeputata di Avs a La Repubblica - mi ha trovato lì nel 2008, quando avevo 24 anni. Oggi ne ho 40. Da allora non sono più andati a fare verifiche per vedere chi ci abitasse, però l’Aler mi contesta lo stesso un debito di 90 mila euro". Poi spiega perché lo ha fatto: "Prendiamo Milano, 12.000 appartamenti popolari sfitti e 10.000 nuclei familiari in lista di attesa. I movimenti per la casa non tolgono niente a nessuno, cercano di risolvere con altre modalità un problema che le istituzioni non risolvono".

Leggi anche: Travaglio e Feltri attaccano: "Occupiamo le case di Ilaria Salis e Fratoianni"

Intanto però Libero fa i conti in tasca alla famiglia Salis e spuntano, non solo un villino a Monza, ma anche una casa in Toscana all'Abetone. La residenza monzese della famiglia infatti è un villino di 160 metri quadri, oltre a due box per le auto. Il quotidiano diretto da Mario Sechi cita le visure catastali sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Una villetta di quel tipo, stima Libero, viene venduta per 490 mila euro. La madre di Ilaria, poi, è anche proprietaria di un monolocale nel territorio di Abetone Cutigliano in provincia di Pistoia. Ilaria Salis poi svela le idee politiche di papà Roberto, finito nel mirino dei giornali di Destra: "Mio padre è un liberale ma non abbiamo mai litigato per questo. L’antifascismo è il nostro comune denominatore".






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.