A- A+
Politica


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"Credo proprio che voteremo no sul provvedimento finale in Aula. Devo sentire anche gli altri che non hanno votato la fiducia, decideremo domani, ma orientativamente voteremo no all'Italicum". Alfredo D'Attore, uno dei leader della sinistra Pd, annuncia ad Affaritaliani.it che, salvo colpi di scena, la minoranza del Partito Democratico che non ha votato la fiducia al governo sulla legge elettorale voterà no alla Camera sul testo finale della riforma.

"Credo comunque che il provvedimento passerà", spiega D'Attore. "A questo punto può essere che l'area del dissenso si allarghi rispetto a quanti non hanno votato la fiducia, ma non a tal punto da mettere in discussione l'approvazione del provvedimento". L'esponente della sinistra dem attacca Renzi: "Rimane il problema di una legge elettorale che non è una buona legge, anzi, sotto diversi aspetti, è una pessima legge. Rimane poi la macchia indelebile della fiducia".

Ma Renzi andrà al voto al più presto o governerà fino al 2018? "Credo che bisogna essere Cenerentola per pensare che questo governo possa andare avanti fino al 2018. Dopo questo strappo che si è prodotto in Parlamento e nel Pd, e con una situazione economica che non dà segnali di miglioramento significativi, la prospettiva delle elezioni anticipate è abbastanza concreta. Ci troveremo così un Parlamento che avrà approvato l'Italicum con l'illusione di lavorare fino al 2018, salvo poi avere un brusco risveglio tra qualche mese".

Ma elezioni in autunno o nella primavera del 2016? "Francamente non lo so. Personalmente non demonizzo l'ipotesi del ritorno alle urne. La cosa grave è come Renzi ha gestito questo passaggio, con un atteggiamento ricattatorio nei confronti del Parlamento e con la vergogna che rimarrà del voto di fiducia sulla legge elettorale. C'è stata poi un'assoluta mancanza di chiarezza e di lealtà al nostro interno: si dice che l'Italicum serve per arrivare fino al 2018, quando in realtà le intenzioni possono essere altre".

Ma se si va al voto, lei sarà ancora nel Pd? "Il problema non è dove starò io, è irrilevante", risponde D'Attorre. "Il problema è dove staranno quei milioni di elettori che hanno creduto nel progetto del Pd come grande forza di sinistra, progressista e che sta dalla parte del mondo del lavoro. E che hanno creduto nel Pd come un'alternativa culturale al berlusconismo. Questa è la domanda a cui bisognerà dare una risposta nei prossimi mesi".

Nascerà una Tispars italiana o resterete nel Pd? "Non credo a imitazioni di esperienze di altri paesi, ogni paese ha la sua storia. Credo invece che ci sia lo spazio per la sinistra, che è incomprimibile. La sinistra è sopravvissuta a tante traversie storiche e sopravviverà anche a Renzi. Dico che bisogna capire se questo spazio, come io auspico, può ancora esserci all'interno del Pd".

Tags:
italicumd'attorepd. legge elettoralerenzi
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.