A- A+
Politica
"La Chiesa è un punto di riferimento. Conte? Solo uno scivolone (spero...)"
Lapresse

"Attribuisco quanto accaduto a uno scivolone non intenzionale. Escludo che ci sia da parte di Conte la volontà di rompere i rapporti con la Cei. Il premier voleva dire che ci stava ripensando, anche se è difficile da decifrare esattamente". Vincenzo Scotti, ex ministro dell'Interno e degli Esteri, ex capogruppo della Democrazia Cristiana alla Camera, ex sindaco di Napoli e fondatore-presidente della Link Campus University, analizza con un'intervista ad Affaritaliani.it la lite tra la Chiesa Italiana e il presidente del Consiglio dopo il no (poi parzialmente ritrattato) del capo del governo alla partecipazione dei cittadini alle messe con l'avvio della cosiddetta Fase 2.

papa francesco 2
 

Si è incrinato il rapporto tra Conte e la Cei-mondo cattolico?
"Spero proprio che in questo momento particolarmente difficile non sia così e lo dico nell'interesse generale. Al di là della politica, il Papa sta manifestando una presenza molto utile per tutto il mondo e soprattutto per l'Italia. Vorrei davvero che non cresca un contrasto, ma che l'incidente si chiuda al più presto trovando la soluzione migliore per tutti".

Conte avrebbe dovuto dare l'ok alle messe così come ha fatto con i funerali?
"Il presidente del Consiglio ha le informazioni dai suoi scienziati, che io non ho, e tutto dipende da quelle informazioni. Forse poteva dire qualcosa in più in diretta tv, si vedeva chiaramente che era stretto tra gli input degli scienziati e la necessità di garantire la libertà di culto".

Il vescovo di Ascoli Piceno, Monsignor Giovanni D’Ercole, ha usato parole durissime contro il governo ("Quella di Conte è una dittatura. Pregare è un diritto: o ce lo date o ce lo prendiamo"). Ha esagerato?
"Papa Francesco non avrebbe certamente usato queste parole. Non è il momento di trasformare le difficoltà in uno scontro. Non conosco le informazioni degli scienziati e nemmeno lo stato della discussione tra il governo e la Cei, inviterei tutti a tener conto degli interessi della gente e a trovare una soluzione comune che utilizzi tutte le forze del Paese. E le autorità religiose ricoprono sicuramente un ruolo molto importante".

Quindi non siamo di fronte alla rottura tra Conte e la Cei...
"Posso solo augurarmi che sia stato uno scivolone e che in quel momento il premier non abbia fatto una riflessione adeguata. Spero davvero che non ci sia alcuna rottura. Al di là del fatto che una persona sia credente o meno, il Papa ha fatto e sta facendo tantissimo per la comunità italiana. Pensiamo alla sofferenza per i funerali che non si sono celebrati, qui si tratta della cultura e della tradizione del Paese, non solo religiosa".

Schermata 2020 04 23 alle 20.31.59
 

Nella maggioranza Pd e Italia Viva hanno un'attenzione particolare al mondo cattolico, mentre il Movimento 5 Stelle sembra ultra-laico e quasi alla Bonino. E' così?
"Chi governa deve puntare come obiettivo alla coesione tra la gente e la presenza del Papa e della Chiesa è estremamente importante. Condivido questa analisi sulla maggioranza, è giusta. Ma questa sorta di gioco sulle questioni laicali e così via possono essere fatte da noi, ma non da chi governa l'Italia".

Insomma, c'è bisogno anche della Chiesa e del Papa per la coesione sociale...
"Un presidente del Consiglio ha bisogno di tutte le voci alte e autorevoli per tenere unito il Paese. C'è la necessità di far sentire alla gente che le istituzioni hanno una grande sensibilità, il problema è di chi governa. Tra queste voci in primo luogo ci sono la Chiesa e il Papa, ma non lo dico dal punto di vista di un credente ma per il governo che deve preservare e mantenere la coesione sociale. Lasciamo da parte culture e tradizioni antiche, il passaggio non è affatto semplice e verranno questioni economiche e di povertà drammatiche. Non è quindi il caso di creare divisioni e tensioni su questioni che vanno esaminate laicamente e con questo termine intendo prescindendo da ideologie e fedi. Non sarebbe corretto dire che la Chiesa e il Papa servono al Paese, nel senso che l'Italia ne ha bisogno, sono però un punto di riferimento essenziale per la coesione sociale del popolo, specie in un momento così difficile. E chi governa lo sa".

Commenti
    Tags:
    chiese chiusechiese quando riprirannofase 2 coronavirusfase 2 chieseriapertura chiese fase 2apertura chiese fase 2ceiconte chiese apertecontediritto di cultogiuseppe conte chiesa cattolica
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen C5 X, ritorna l'ammiraglia

    Citroen C5 X, ritorna l'ammiraglia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.