A- A+
Politica
Lega, Lorenzo Fontana: "Convinto sostegno all'Ucraina"

Guerra in Ucraina, Fontana e Salvini dicono cose opposte. Crepe nella Lega

Giorgia Meloni ha appena annunciato da Washington un nuovo invio di armi all'Ucraina, in particolare l'Italia fornirà le difese aeree Samp-T e inoltre la premier ha spiegato che lo sforzo economico nei confronti di Kiev da parte del nostro Paese aumenterà di 400 milioni, passando così a una spesa di 1,7 mld nel 2025. Parole le sue in netto contrasto con quelle pronunciate dal leader della Lega Matteo Salvini che continua sulla strada di una "pace" che significa di fatto - scrive Massimo Franco su Il Corriere della Sera - il cedimento alla Russia. Visto che sostiene senza esitazioni che "più armi si inviano, più la guerra va avanti". Ma ad avere un pensiero opposto rispetto a quello di Salvini non è solo la premier Meloni, che tra pochi giorni dovrà compiere una scelta difficile, sostenere von der Leyen e staccarsi ancora di più dai Patrioti (il gruppo Ue di Salvini, Le Pen e Orban), o non votarla e isolarsi in Europa, ma anche il braccio destro di Salvini: Lorenzo Fontana.

Leggi anche: Nato, sale la spesa militare di Roma. Meloni: "Nuove difese aeree all'Ucraina"

Sorprende - prosegue Il Corriere - sentire pronunciare nelle stesse ore dalla carica istituzionale più alta della Lega, il presidente della Camera, parole diverse da quelle di Salvini. Fontana ha detto a Washington, dove partecipava alla riunione dei leader parlamentari: "Non dobbiamo dimenticarci che la Nato è nata come alleanza per la pace e serve rafforzarla da questo punto di vista". E ancora: "Rimane, convinto, il sostegno all’Ucraina a cui torniamo a confermare la nostra concreta vicinanza e la piena volontà di essere al suo fianco nel suo grande sforzo di resistenza". È naturale - continua Il Corriere - chiedersi se si tratti di uno smarcamento dovuto al contesto in cui Fontana ha fatto il suo discorso; se sia un omaggio dovuto al ruolo istituzionale che ricopre; oppure se sia la conferma di un malumore che serpeggia all’interno della Lega nei confronti delle scelte salviniane.






in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.