A- A+
Politica
Lombardia, caos Pd. Pizzul apre a Moratti, i sindaci: "No a nomi predefiniti"
Fabio Pizzul

Lombardia 2023, ancora in alto mare il candidato del centrosinistra

"Sedersi al tavolo con Letizia Moratti e verificare la sua disponibilità politica e programmatica a costruire un'alternativa alla Lombardia che abbiamo conosciuto in questi anni". Dopo Gian Antonio Girelli, che insiste in sostanziale solitudine da giorni, arriva un'altra apertura nel Pd all'ipotesi di Letizia Moratti candidata contro Attilio Fontana alle regionali in Lombardia.

A uscire allo scoperto un primarista della prima ora, il capogruppo in Regione Fabio Pizzul, che fa autocritica chiedendosi perchè "siamo arrivati al 10 novembre senza avere la minima idea di come il PD e le poche altre forze che, per ora, gli sono rimaste accanto in Lombardia (Sinistra Italiana, Verdi e +Europa) affronteranno l'imminente appuntamento con le elezioni regionali". 

Pizzul riconosce che "la responsabilità è della classe dirigente del Partito Democratico, nelle cui fila ci sono anch'io, come capogruppo in Consiglio regionale", ma poi, pur comprendendo chi non vuole subire il "ricatto" di Renzi e Calenda in Lombardia, pone sul suo sito la domanda da un milione di dollari: "Il PD vuole utilizzare le elezioni regionali per tentare di sopravvivere e non perdere troppi suoi elettori o intende provare davvero a vincere le elezioni e a governare la Lombardia?" La risposta del capogruppo, titolo del suo intervento, è "prendere un caffè con Moratti", "a meno che non si voglia utilizzare subito l'uscita di emergenza di primarie interne al PD che rischierebbero di servire solo a posizionarsi nel partito". Una "strada in salita" quella del confronto con l'ex vice di Fontana, "ma penso che il confronto sia sempre possibile sulle idee e non debba partire da veti sulle persone. Lo si può fare in pochi giorni- insiste Pizzul - rispettando la scadenza del 20 novembre indicata dall'Assemblea regionale PD. Se non si giungerà a un accordo, a questo punto, viva le primarie".

Pizzul poi riserva ai suoi lettori un post scriptum: "Mi pareva necessario esprimermi con franchezza, a partire dal mio osservatorio particolare di capogruppo in regione da dove in questi anni ho visto il progressivo e drammatico impoverimento della capacità di governo: la Lombardia non può permettersi altri cinque anni di governo Fontana. Serve un cambio netto alla guida della regione e per questo bisogna vincere le elezioni". 

Regionali Lombardia 2023, i Sindaci PD a Calenda: "Discutiamo, senza nomi predefiniti"

"Ci siamo e volentieri ci sediamo al tavolo, in accordo col Pd, ma è evidente che se l'obiettivo, che auspichiamo e che riteniamo fondamentale, è costruire una coalizione che riunisca PD, terzo polo e forze civiche, per riuscirci serve ripartire senza candidature predefinite sul tavolo". Così i sindaci del Partito Democratico dei capoluoghi lombardi- Giorgio Gori (Bergamo), Mattia Palazzi (Mantova), Davide Galimberti (Varese), Gianluca Galimberti (Cremona), Mauro Gattinoni (Lecco), Andrea Furegato (Lodi), Emilio Del Bono (Brescia), dovrebbe arrivare anche la firma di Paolo Pilotto (Monza)- rispondono alla proposta avanzata nelle scorse ore dal leader di Azione Carlo Calenda. "Siamo i primi a voler discutere di sanità pubblica e territoriale, di politiche abitative, di collegamenti ferroviari, di risorse ai comuni e di tutte le politiche sulle quali riteniamo serva imprimere un cambio di rotta forte con gli anni delle giunte a guida delle destre", chiudono i sindaci dem della Lombardia. La mancanza della firma di Beppe Sala viene motivata col fatto che il primo cittadino meneghino non è iscritto al Pd.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fabio pizzulletizia morattipdregionali 2023





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.