A- A+
Politica
M5S, molti big morosi: De Raho e... Solo se Conte li ricandida pagano

Federico Cafiero De Raho

I deputati eletti sono 51 e i senatori 37, 38 sono morosi: il 40%

 

Un tempo i parlamentari M5S dovevano conservare ogni singola ricevuta per dimostrare quanto spendevano nella loro permanenza a Roma e restituire la restante parte dello stipendio, adesso – da Statuto – duemila euro vanno devoluti ogni mese all’associazione Movimento 5 Stelle per le spese di funzionamento e 500 euro sul conto intestato all’associazione, dedicato alla restituzione dei fondi alla collettività.

Per quanto il meccanismo sia più facile non significa che stia funzionando alla perfezione. Anche oggi ci sono i morosi, e c’è chi, per scelta politica e a suo modo strategica, decide di non versare, come scrive www.repubblica.it ripreso dal sito internet Dagospia.

Giuseppe Conte non salta un bonifico, ma non si può dire lo stesso del suo vice Michele Gubitosa che da un anno non vi è traccia di transazioni. L’ultimo risale a un anno fa, quando nel luglio scorso il deputato pentastellato ha versato 16 mila euro più 4 mila euro per saldare otto mesi di arretrati, considerato che il precedente bonifico era stato nell’ottobre del 2022. Al Senato è la sua collega Maria Domenica Castellone ad andare a singhiozzo. l’ultimo bonifico di 2000 euro risale al mese di febbraio e quello precedente al mese di novembre.

A maggio, l’ultimo mese inserito nello schema dei rimborsi, le quote sono state versate da cinquanta parlamentari e se si considera che i deputati eletti sono 51 e i senatori 37, significa che 38 sono morosi. Dunque, il 40%. Tra loro c’è anche Cafiero De Raho.

Talvolta le morosità vengono saldate con un unico consistente versamento, talvolta no. E sono i casi delle proteste silenziose. C’è un gruppo di parlamentari infatti che si rifiuta di partecipare alla raccolta fondi a favore del partito e dei cittadini. La ragione sarebbe politica a loro dire.

Il deputato Luciano Cantone, alla seconda legislatura, non versa da novembre del 2022. E il tonfo alle Europee non ha fatto altro che peggiorare la situazione. “Sto aspettando di capire l’evoluzione del Movimento 5 Stelle”. “Aspetto di capire quali saranno gli impegni che si prenderà il Movimento con la costituente che Conte vuol creare. C’è in ballo l’esistenza di M5S, non solo il secondo mandato. Che motivo di esistere abbiamo? Se questi temi vengono affrontati con la Costituente io sono dentro e ci resto altrimenti trarrò le conseguenze”.

Nel dubbio, meglio non pagare. Un po’ il ragionamento che, negli anni passati, hanno portato avanti quelli che poi hanno abbandonato il Movimento. Un altro esponente alla finestra Giorgio Lovecchio: di un suo bonifico non vi è traccia dall’ottobre del 2022. Tutto lascia pensare al desiderio di avere la certezza della deroga al limite dei due mandati, così da poter correre di nuovo per un seggio in Parlamento. In molti, in M5S, preferiscono attendere gli eventi e quel che succederà mettendo da parte per sé i soldi che andrebbero invece, da regolamento, al partito.






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.