A- A+
Politica
M5s nella bufera: "Ministro Famiglia pro adozioni gay? Di Maio chiarisca"
Luigi Di Maio con Vincenzo Spadafora, suo responsabile per le Relazioni Istituzionali e papabile Ministro per la Famiglia in un esecutivo pentastellato

M5s nella bufera, e in particolar modo Luigi Di Maio.

Non erano ancora uscite le anticipazioni sulla lista dei ministri in un papabile esecutivo a 5 stelle e già si scatenava un putiferio negli ambienti cattolici.

La pietra dello scandalo è lui, Vincenzo Spadafora, responsabile per le Relazioni Istituzionali di Luigi Di Maio e candidato alla Camera dei Deputati al collegio uninominale di Casoria nonché papabile Ministro per la Famiglia in un governo a guida grillina.

 "Le anticipazioni di stampa circa una possibile nomination di Vincenzo Spadafora a ministro per la Famiglia e l’Infanzia" dichiara in una nota l'onorevole Gianluigi Gigli, Presidente del Comitato per la Vita italiano,  in un futuro governo a guida Di Maio non possono non suscitare allarme. Preoccupano non solo la disinvoltura politica del personaggio, caratterizzata da continui passaggi di campo, ma anche alcune dubbie frequentazioni del passato".

Qui è necessario un riepilogo della carriera folgorante di Spadafora, mai laureato ma già collaboratore di Alfonso Pecoraro Scanio, poi di Francesco Rutelli, poi nominato Garante per l'Infanzia, poi Presidente dell'Unicef Italia. Spadafora fu intercettato più volte al telefono con Angelo Balducci, all'epoca dello scandalo che travolse l'ex Numero Uno del Consiglio dei Lavori pubblici, perno e anima della famosa "cricca" tristemente nota all'opinione pubblica, e finito nella bufera anche per una storia di prostituzione maschile. Le telefonate tra Spadafora e Balducci erano amicali e non si presuppose alcun dolo o reato, ma qualcuno storse il naso sul fatto che il figlio di Balducci fosse stato assunto all'Unicef proprio da Spadafora

Ma quello che preoccupa soprattutto il Movimento per la Vita sono le aperture dell'attuale mentore e ombra di Di Maio "alle adozioni gay all’epoca in cui era Garante per l'Infanzia".

"Ci auguriamo" conclude l'Onorevole Gigli, "che Di Maio voglia smentire la presenza di Spadafora in un futuro Gabinetto a guida 5 Stelle. In alternativa sarà opportuno che quanti hanno a cuore il futuro della famiglia e dei bambini in Italia si guardino bene dal sostenere il Movimento 5 Stelle alle elezioni".

Tags:
elezioni 2018m5smovimento per la vitaluigi di maiogianluigi giglivincenzo spadaforagarante per l'infanziaadozioni gayangelo balduccicricca
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf

L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.