A- A+
Politica
Meloni: "Miracolo Ucraina come l'Italia del Dopoguerra". Video
Giorgia Meloni

Meloni: "L'Italia non tentenna. Chi sostiene anche militarmente l'Ucraina è chi lavora per la pace"


"L'Italia darà ogni possibile assistenza perché si creino le condizioni di un negoziato, ma fino ad allora darà ogni genere di supporto militare, finanziario, civile. Chi sostiene anche militarmente l'Ucraina è chi lavora per la pace". Così la premier Giorgia Meloni, dopo l'incontro a Kiev con il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky.

 

"Per me valgono i fatti e qualsiasi cosa il Parlamento è stato chiamato a votare a sostegno dell'Ucraina i partiti che fanno parte della maggioranza l'hanno votata. Al di là di alcune dichiarazioni, nei fatti la maggioranza è sempre stata compatta. C'è un programma chiaramente schierato, è sempre stato rispettato da tutti e confido che sarà ancora così", ha detto Meloni.

"Quando c'è un aggredito tutte le armi sono difensive. Al momento non c'è sul tavolo l'invio di aerei, è una decisione da prendere con i partner internazionali. Ci siamo concentrati su sistemi di difesa antiaerea, Samp-T, Spada, Skyguard. La priorità è difendere infrastrutture e cittadini".

"In Italia il dopo guerra è stato un periodo di crescita e sviluppo tanto che si è parlato di miracolo italiano, sono certa che tra qualche anno potremo parlare di miracolo ucraino, questo è l'impegno che a nome dell'Italia prendo nei confronti dell'Ucraina. Il mondo libero è con voi, vi siamo debitori e non vi dimenticheremo". Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in conferenza stampa a Kiev. "Abbiamo parlato molto - ha detto ancora - del tema della ricostruzione, non solo al termine della guerra: ricostruire ora un palazzo distrutto è un segno di speranza, vuol dire scommettere sull'Ucraina. L'Italia lavora a una conferenza sulla ricostruzione da tenersi in aprile. Serve un cambio di passo, bisogna lavorare da adesso, penso che l'Italia possa recitare un ruolo da protagonista con le sue eccellenze strategiche".

"Penso che sarebbe un segnale importante che l'Expo tornasse in Europa. Roma e Odessa sono candidate per l'Expo 2030, dobbiamo provare a ragionare di come lavorare insieme, sarebbe un bel segnale europeo e di come crediamo che le cose andranno bene". Lo ha detto la presidente del Consiglio GIorgia Meloni, in conferenza stampa a Kiev.

Black out in conferenza stampa a Kiev, Meloni fa la traduttrice Black out in conferenza stampa a Kiev, Meloni fa la traduttrice Zelenski ironizza: "...è la Russia..." - Un improvviso blackout ha interrotto per pochi secondi la conferenza stampa congiunta di Giorgia Meloni e Volodymyr Zelensky a Kiev. "Russia", scherza il leader ucraino. Al ritorno della luce in mancanza della tradizione simultanea delle parole del presidente ucraino la premier si improvvisa traduttrice traducendo in inglese una domanda di una giornalista italiana e poi aggiunge scherzando: 'presidente operaio'.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
meloni zelensky ucraina





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.