A- A+
Politica
Migranti: la polemica (burlesca) sollevata dalla Francia, sarà un porto sicuro per Meloni
Emmanuel Macron

Migranti, polemica sguaiata e quasi fanciullesca della Francia contro l'Italia. E l'Europa dà un ceffone a Macron

Non c'è partita tra i numeri: 90.000 sbarchi in Italia e 38 persone ricollocate in Francia, e la polemica sguaiata e quasi fanciullesca sollevata del Governo francese non abituato - o forse mai costretto - a fare i conti con la realtà. Del resto nessuno, neppure Berlino - che non tifa mai Italia - poteva fare buon viso a cifre tanto sproporzionate da essere costretto a confermare l'accordo sul "Meccanismo volontario di solidarietà" (questo il nome tecnico dell'accordo sulla ripartizione europea dei migranti) e, in modo felpato, a snobbare l'appello di boicottaggio dell'Italia lanciato, sconsideratamente, da Emmanuel Macron.

Sì perché - è bene dirlo a chiare lettere - chiedere ai partners europei - come ha fatto l'Eliseo - di non applicare più l'accordo sulla ridistribuzione dei migranti altro non è che la richiesta di isolare politicamente, istituzionalmente e umanitaristicamente il Belpaese.

Volontà che, nel giro di qualche ora, l'Europa ha rinviato al mittente con un "sonoro ceffone" diplomatico.

La Commissione Europea, ovvero il Governo d'Europa, ha replicato a Parigi con la convocazione di un vertice europeo tecnico-politico (alla presenza dei Ministri degli Interni dei 27 Paesi Europei) sui migranti.

Un vertice che, invece di isolare l'Italia, prende in carico le giuste rivendicazioni di Palazzo Chigi.

Insomma chi è  abituato ad abbaiare più forte e (questa volta come non mai, senza motivo) ha rimediato una bella lezione.

Una lezione di merito (con numeri che gridano vendetta) è di stile.

Da Palazzo Chigi, senza urli, minacce o dichiarazioni roboanti il Presidente del Consiglio italiano ha messo con le spalle al muro chi, a Ventimiglia, qualche anno fa, faceva quello che le telecamere hanno mostrato a tutto il mondo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciamelonimigranti





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.