A- A+
Politica
Nordio frena su separazione carriere: "Tempi lunghi, modifiche costituzionali"

Giustizia, Nordio: "Dobbiamo mantenere gli impegni presi con l'Europa. Meloni? Io e lei in assoluta sintonia"

Il governo Meloni ha appena approvato il Dl Omnibus, quello finito al centro del dibattito politico e non solo soprattutto per la tassa sugli extraprofitti alle banche. Ma nella misura sono inserite anche provvedimenti e tra i maggiori protagonisti dell'ultimo Cdm si segnala il ministro Carlo Nordio. Suo il decreto legge che estende l’area delle intercettazioni e innalza le pene ai piromani. "Non esistono - spiega Nordio a La Stampa - i panni del garantista o del giustizialista - dice - ma la complessità della realtà". Il ministro parla della riforma della giustizia su cui sta lavorando da tempo e svela: "Il mio ddl è solo un primo passo verso la piena attuazione del codice liberale di stampo anglosassone, fortemente voluto dal ministro Vassalli, eroe delle Resistenza pluridecorato e convinto socialista".

"Un codice - prosegue Nordio - snaturato negli anni. La commissione da me istituita lavorerà perché ritorni, migliorato, al suo spirito originale e si superi la contraddizione di un processo quando la stessa pubblica accusa non vuole celebrare. Quanto alla separazione delle carriere, è nel programma ma richiede un intervento costituzionale e quindi tempi più lunghi. Ora, le priorità sono l'efficienza agli uffici giudiziari e gli impegni con l’Europa".

Leggi anche: Fazzolari: "Siamo l'unico governo che ha la forza di tassare le banche"

Leggi anche: Dl Omnibus, il governo tassa gli extraprofitti delle banche. Prelievo del 40%

Iscriviti alla newsletter
Tags:
nordioriforma giustizia





in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni

Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni


motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.