A- A+
Palazzi & potere
"Basta caccia al massone, Antimafia indaghi su Arezzo", parola di Gran Maestro

"Nella zona di Arezzo ci sono una settantina di logge, perché non vanno da loro a chiedere gli elenchi?". Antonio Binni, 80enne avvocato civilista bolognese, è il gran maestro della Gran Loggia d' Italia, il secondo ordine italiano per iscritti (circa 8 mila), dopo il Grande Oriente (Goi), scrive il Fatto. 
Afferma Binni: "La Toscana per storia e cultura è da sempre la regione più massonica d' Italia: lì i massoni sono tantissimi e le logge proliferano, specie quelle fuori controllo, come in passato la P2 di Licio Gelli. A me non risulta che Renzi sia massone, ma siamo in una terra dove la massoneria è ben radicata nel territorio e in tutti i settori della vita sociale ed economica". 

Tags:
massoneriaantimafiaantonio binnigran loggia d'italiarosi bindi
Loading...
in vetrina
Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...

Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...

i più visti
in evidenza
Liti e urla in casa. La Elia si isola "Voglio solo sopravvivere..."

Grande Fratello Vip bufera-news

Liti e urla in casa. La Elia si isola
"Voglio solo sopravvivere..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno

Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.