A- A+
Politica
Conte e Calenda/Renzi: alleanza per annientare il Pd e spartirsi i cocci
Carlo Calenda, Matteo Renzi e Giuseppe Conte

L'esempio è quello della Francia, Partito socialista quasi sparito


Una comunanza di interessi. Non certo un'alleanza, ma una strategia politica che, nel medio-lungo periodo, porta ad avere un obiettivo comune: annientare il Partito democratico. L'esempio è quello della Francia. Perfetto, calzante. Nel giro di 15-20 anni il Partito socialista è passato da oltre il 20%, spesso prima forza nazionale, a un misero e ininfluente 2-3%. Il Psf è stato schiacciato a destra dalla nascita e dall'exploit di En Marche!, il movimento politico liberaldemocratico che ha portato Emmanuel Macron all'Eliseo con tanto di riconferma alle ultime elezioni presidenziali, e a sinistra dalla crescita della coalizione di sinistra e ambientalista che fa capo a Jean-Luc Mélenchon.

Mutatis mutandis, in Italia l'area liberal-centrista, è rappresentata da Azione e Italia Viva, pur con tutti i distinguo tra Carlo Calenda e Matteo Renzi soprattutto nel rapporto con il governo Meloni. Ma, al momento, l'alleanza regge e si sta anche organizzando per un'integrazione vero e concreta nei prossimi mesi. A sinistra, come dimostrano ormai tutti i sondaggi, il vero leader è Giuseppe Conte, che ha avuto la forza di rinnovare e rilanciare il Movimento 5 Stelle, tornando in parte alle origini ma senza l'ingombrante presenza di Beppe Grillo. Non solo, l'ex premier sta anche attraendo verso di sé la bicicletta Fratoianni-Bonelli, che alle Politiche del 25 settembre aveva scelto il Pd.

Quanto ai Dem, il dibattito congressuale che non decolla e che non riesce a uscire dalle mere beghe procedurali rischia seriamente di ridurre l'ex partito di maggioranza relativa a una forza sempre più marginale. Sul congresso la confusione regna sovrana. Finora abbiamo in campo Paola De Micheli ed Elly Schlein (che però non è chiaro se avrà con sé tutta la sinistra del partito). Il 26 novembre Dario Nardella potrebbe (anzi, dovrebbe) annunciare la sua discesa in campo in vista delle primarie e poi cè sempre l'ombra di Stefano Bonaccini. E che cosa faranno i lettiani? E Goffredo Bettini, sempre così vicino a Conte? E soprattutto l'ex ministro Dario Franceschini, leader di AreaDem? Tanti interrogativi, nessuna risposta.

L'obiettivo della tacita alleanza Calenda/Renzi-Conte (più Fratoianni/Bonelli) è quella di lasciare che il Pd autoimploda, si divori dalll'interno, per poi prendersi i cocci. Un pezzo di moderati - Base Riformista dell'ex ministro Lorenzo Guerini con Andrea Marcucci in testa - potrebbe aderire al centro liberal-macroniano mentre la sinistra di Bettini e di altre anime, come l'ex ministro Andrea Orlando, potrebbe guardare a sinistra verso il M5S. In tutto questo le elezioni regionali sono una tappa importante. Il progetto attorno a Letizia Moratti difficilmente risulterà vincente ma se dovesse avere un solo voto in più della coalizione (tutta da costruire, e manca pure il candidato) del Pd sarebbe già un passo importante.

Nel Lazio i Dem hanno scelto Alessio D'Amato e quindi il Terzo Polo e, ragionamento inverso, se i 5 Stelle dovessero avere un buon risultato sarebbe un altro colpo e un altro step verso lo scenario francese. Fonti dell'alleanza Calenda-Renzi comunque assicurano che la svolta non saranno le prossime Regionali, che "sono solo uno step", la prospettiva è appunto a medio-lungo termine. D'altronde in Francia la scomparsa (o quasi) dei Socialisti è avvenuta in 15 anni circa. Ma è avvenuta. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
azione italia viva m5scalenda renzi contepd





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.