A- A+
Politica
Pnrr: Conte, pronti a collaborare su fondi Ue. Due precondizioni a Meloni...

Pnrr, Giuseppe Conte: M5S non lascerà nulla di intentato. È disponibile a sedersi a un tavolo

Il lascito del governo "guidato da Mario Draghi, certificato dalla sua ultima Nadef, è di 13 miliardi di euro di minori spese del Pnrr rispetto a quelle da lui stesso previste nel Def precedente. Poi è arrivato il governo di Giorgia Meloni ed è la cronaca ad aggiornarci su come stiano andando le cose: l'Italia è in una condizione di conclamata difficoltà". Lo scrive in un intervento sul Corriere della Sera il leader dl M5s Giuseppe Conte.

"Una buona metà delle iniziative e delle misure sono in ritardo ed è stato speso solo il 6% dei fondi, come certificato dalla Corte dei conti - spiega -. La prospettiva, confermata dalle dichiarazioni del ministro Fitto, è che alcuni progetti non sono realizzabili entro la scadenza stabilita". Di fronte però "alla possibilità di perdere i fondi del Pnrr, anche una forza di opposizione intransigente come il Movimento 5 Stelle non può rimanere a guardare" sottolinea.

Pnrr, Conte a Meloni: poniamo però due precondizioni...

Qui "è in gioco la credibilità dell'Italia. Se falliamo sul Pnrr non fallisce solo Giorgia Meloni, fallisce l'Italia intera e la possibilità del suo definitivo rilancio. Perdere questa occasione significa lasciarsi sfuggire una capillare rivoluzione in termini di maggiori investimenti nella sanità, nelle scuole, nelle infrastrutture, in tutto ciò che può farci affrontare una impegnativa transizione ecologica e digitale, nel segno di una maggiore inclusione sociale". Per questi motivi "il M5S non lascerà nulla di intentato. È disponibile a sedersi a un tavolo e a rimboccarsi le maniche per dare il proprio contributo nell'interesse comune, per rimediare ai ritardi collezionati in questi mesi e agli errori sin qui commessi. Dobbiamo farlo tutti, anche coloro che, come noi, sono linearmente all'opposizione". A Giorgia Meloni "poniamo però due precondizioni. La prima è una grande operazione di trasparenza, assolutamente necessaria a individuare cosa non sta funzionando e dove occorre intervenire. La seconda è l'ascolto delle proposte del M5S e delle altre forze politiche, anche di opposizione, che vorranno offrire il proprio contributo". Il Pnrr "non è una bandiera attorno alla quale ridursi a fare i tifosi - ribadisce l'ex premier - quei 209 miliardi hanno solo una bandiera, quella dell'Italia".

Leggi anche

Pnrr, Bonomi: "L'errore è a monte, interventi a pioggia di Conte sbagliati"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europagiuseppe contem5spnrr





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Toyota, lancia il programma “Tech School per i Meccanici del Futuro”

Toyota, lancia il programma “Tech School per i Meccanici del Futuro”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.