A- A+
Politica
Pnrr, si sblocca l'impasse terza rata: tutti i 35 mld entro la fine dell'anno
Raffaele Fitto Festival di Trento 2

Ipotesi di versare simultaneamente al governo nella seconda metà di quest’anno la terza e la quarta rata, per 35 miliardi di euro complessivi

 

Accordo raggiunto sul problema dei posti letti negli studentati universitari, che dovrebbe sbloccare - benché con mesi di ritardo - la terza rata del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Lo scrive il sito del Corriere della Sera. L’intesa che il ministro degli Affari europei Raffaele Fitto ha presentato oggi alla Cabina di regia del Pnrr, durata solo 15 minuti, è articolata su più stadi per risolvere un problema di fondo: l’Italia, secondo la Commissione europea, non era riuscita a raggiungere l’obiettivo quantitativo previsto di aggiungere 7.500 posti letto in studentato entro la fine del 2022. Il governo si è sempre detto convinto di aver soddisfatto questa richiesta ma, secondo Bruxelles, una parte dei posti letto era preesistente e non avrebbe dovuto essere contata nel finanziamento.

Su questo problema le parti sono rimaste bloccate, letteralmente, per mesi. Ora arriva un compromesso simile a quello raggiunto sugli asili nido, dove la contestazione di Bruxelles relativamente alla quarta rata (obiettivi di giugno 2023) era stata simile: una parte dei fondi rischiava di andare a rinnovare posti in asilo nido già esistenti. Il compromesso è il seguente: l’obiettivo quantitativo di creare 7.500 posti in studentato entro fine 2022 sparisce; al suo posto ci sarà un obiettivo qualitativo, relativo ad aver avviato tutte le procedure necessarie (gare, autorizzazioni) perché l’Italia crei un numero complessivo di 60 mila posti letto universitari in più entro la fine del 2026. Quest’obiettivo qualitativo inoltre non sarà più legato alle scadenze della terza rata (dicembre 2022), ma a quelle della quarta rata (giugno 2023).

In questo modo il pagamento della terza rata verrà effettuato senza tenere conto delle somme legate alla creazione degli studentati. Tuttavia quella quota di fondi (fra 300 e 500 milioni di euro, a seconda dell’interpretazione) verrà integrata negli obiettivi della quarta rata e versata con quella, sempre che le condizioni risultino soddisfatte. Dunque nel complesso le somme versate all’Italia per la realizzazione del Pnrr sarebbero immutate. Ci sarebbe anche l’ipotesi di versare simultaneamente al governo nella seconda metà di quest’anno la terza e la quarta rata, per 35 miliardi di euro complessivi (sulla carta oggi la terza rata vale 19 miliardi e la quarta ne vale 16) oppure, in un’alternativa che sembra molto più probabile, si cercherà di erogare al più presto la terza rata ed entro l’anno anche la quarta, per un totale di 35 miliardi che nel complesso dunque non cambierebbe.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pnrr terza rata accordo





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.