A- A+
Politica
Qatar-gate, nella lista degli "amici" spunta Gualtieri. Lui: "Tutto falso"

Qatar-gate, la procura: "Ingerenze a favore del Marocco per denaro"

Il Qatar-gate sembra uno scandalo appena all'inizio. Ogni giorno spuntano nuovi dettagli su questa inchiesta internazionale, che coinvolge diverse Procure, tra cui anche quella italiana. Nella lista degli "amici" stilata dai servizi segreti marocchini - si legge su La Verità - ci sarebbe anche il nome del sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

La replica del sindaco Gualtieri

“È falso e vergognoso quanto pubblicato oggi dal quotidiano "La Verità" dal titolo: "Euroscandalo, c'è anche Gualtieri", che associa in modo del tutto improprio il mio nome a uno scandalo, a un’indagine e a condotte criminose a cui sono del tutto estraneo. L'unica risposta che merita è quella legale a tutela del mio ruolo e della mia onorabilità. Pertanto ho dato mandato al mio legale di valutare la rilevanza penale dell'articolo per una querela al giornale” – così il sindaco di Roma Roberto Gualtieri in una nota.

Quel che ormai sembra certo per gli inquirenti è che un gruppo composto da tre persone: Antonio Panzeri, Francesco Giorgi e l’eurodeputato del Partito democratico Andrea Cozzolino, agivano con una «motivazione prioritaria: il lavoro con il Marocco e il Qatar in cambio di denaro. Il gruppo riceveva pagamenti per le sue attività. E nel 2019 aveva concluso un accordo per effettuare ingerenze a favore del Marocco in cambio di denaro". Parte da qui – da quello che i magistrati belgi scrivono nel decreto che ha portato all’arresto la scorsa settimana di Panzeri e Giorgi.

Del gruppo, secondo le informazioni che i servizi belgi hanno girato alla Procura, - riporta Repubblica - farebbe parte un terzo uomo: Cozzolino, appunto. Che però al momento non è stato indagato perché non ci sono prove di dazioni di denaro. E, soprattutto, perché gode dell’immunità da parlamentare: "Sono del tutto estraneo alle indagini. Non sono indagato, - si difende Cozzolino - non sono stato interrogato, non ho subito perquisizioni né, tantomeno, sono stati apposti sigilli al mio ufficio. Non ho mai perseguito interessi, vantaggi o utilità personali nella mia vita politica". Spuntano anche i regali del Marocco a Panzeri, ospitato nel più prestigioso hotel di Marrackech. L’ambasciatore ha riempito di regali le loro valige. "Mamma, come cazzo portiamo il regalo di Atmoun?", chiede la figlia. Il nome di Panzeri torna spesso in una serie di report diplomatici. Scrive il funzionario: "Antonio Panzeri, il nostro caro amico".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cozzolinogualtieripanzeriqatar-gate





in evidenza
Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

L'intervista sul Nove

Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."


in vetrina
Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


motori
RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.