A- A+
Politica

Dopo 4 mesi, don Nicola Cosentino, ex capo del Pdl in Campania, ha lasciato la cella di Secondigliano ed è stato trasferito agli arresti domiciliari. Nello stesso giorno, a Palermo, il giudice Morosini ha deciso che occorrono nuove indagini per accertare se, molti anni fa, prima di salire in politica e di diventare Presidente del Senato, l'allora avvocato, don  Renatino Schifani, ebbe, o meno, delle relazioni compromettente con i boss mafiosi.

A Napoli, intanto, la giunta, guidata da un'ex "toga rossa", ha perso un'importante assessora, donna Giuseppina Tommasielli, costretta a dimettersi, in seguito alle indagini sull'annullamento di alcune multe.  Mentre la Questura ha interrogato la cugina di Gigino de Magistris, componente, come il fratello del Sindaco, del team dei collaboratori degli amministratori "arancione" della città del Golfo.

Ancora una volta, insomma, la politica è in affanno e la giustizia, non riformata dal Parlamento e lasciata senza coordinamenti e regole, scandisce e impone,  con le sue decisioni, i tempi e le priorità ai modesti primi attori e alle comparse del teatrino parlamentare e regionale.

E, martedì prossimo, la Cassazione, accogliendo o respingendo il ricorso di Berlusconi contro la stangata a 4 anni di reclusione per i diritti Mediaset, scriverà una pagina politica molto più che giudiziaria. E influirà sulla tenuta del governo e sulla durata della legislatura.

E, mentre i partiti, divisi tra di loro e al loro interno, litigano e rinviano la soluzione dei problemi del Paese, la giustizia interviene e conquista le prime pagine, con le sue sentenze e le sue ordinanze, a volte condivisibili, più spesso discusse.

Insomma, 20 anni dopo le inchieste dei primi anni 90, che decapitarono la vecchia classe dirigente, sono ancora i magistrati, in primis quelli più politicizzati, a fissare le priorità dell'agenda del sempre più scricchiolante sistema parlamentare e istituzionale del Paese. E neppure Re Napolitano I è in grado di comporre, dal Quirinale, la lunga guerra tra l'ordine giudiziario e i nominati dai capataz dei partiti.

Pietro Mancini
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
politicamagistrati
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Intelligenza artificiale Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022

Intelligenza artificiale
Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.