A- A+
Politica
Quirinale,dalla lite con Follini alle foto nudo..."Pierfurby" tenta la scalata
Pier ferdinando Casini
Lapresse

Altro giro altra corsa, si potrebbe dire. Il nome dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini torna a circolare tra i papabili per il Colle. Era già successo a ridosso dell’elezione di Sergio Mattarella. Allora il suo sponsor fu Angelino Alfano, ma quando Matteo Renzi tirò fuori dal cilindro un coniglio di razza come l’allora giudice della Corte costituzionale, nonché ex dirigente ed ex ministro della Democrazia cristiana, i giochi si chiusero. Stavolta, però, Pierferdi rientrerebbe proprio a pieno nei piani del leader di Italia viva, stando a quanto si vocifera a Palazzo. Chissà che l’ex premier di Rignano non lo aiuti una seconda volta. Sì, perché fu proprio grazie al via libera di Renzi, allora segretario dem, se Casini alle ultime politiche è stato candidato nel collegio uninominale del Senato a Bologna come esponente della lista Civica popolare ed è riuscito a guadagnare il seggio in Parlamento. Salvo, subito dopo decidere di accasarsi, nello stesso gruppo scelto da Giorgio Napolitano, quello delle Autonomie.

Due sole le controindicazioni. Intanto bisogna vedere se Renzi ha ancora il tocco magico di un tempo. Una cosa è sicura: nessuno più di lui conosce i meccanismi dei Palazzi, ma soprattutto è in grado di fiutare le debolezze dei partiti e incunearsi nelle loro difficoltà. Ed ecco che allora Casini può essere la carta giusta da giocare per lanciare davvero il centro (da Coraggio Italia alla stessa Italia viva, passando per Più Europa, Azione e, perché no, anche per la Lega giorgettiana), riuscendo in un colpo solo a spaccare il Pd e a rendere ininfluente il Movimento cinque stelle. Ma c’è una seconda controindicazione che allontana parecchio il senatore bolognese dal Quirinale e cioè il fatto che il suo nome sia stato fatto troppo presto. Il che, per chiunque conosca un po’ le dinamiche politiche, equivale a bruciarlo. Insomma, il classico caso da conclave: chi entra papa, poi alla fine esce cardinale.

Intanto, Pierfurby, per citare l’appellativo che gli appioppò Cossiga ("Non faceva sconti a nessuno - ha spiegato Casini stesso nell’estate 2020 all’Adnkronos -. Cossiga mi ribattezzò 'Pierfurby', in un momento di allergia mi tirò questa polpettina avvelenata, certe cattiverie democristiane solo noi potevamo capirle"), anche se non lo ammeterà mai, non disdegnerebbe affatto un simile coronamento di carriera. Un cursus honorum che non lo ha visto varcare la soglia di Palazzo Chigi, non è stato mai ministro e mai sottosegretario. In compenso siede in Parlamento dal 1983, ben 38 anni. Nel 2001 venne eletto presidente della Camera. Nato e cresciuto nella Democrazia cristiana all’ombra di Arnaldo Forlani, l’uragano di Tangentopoli non ha avuto alcun contraccolpo per lui. E così, mentre Mani pulite scuoteva la Balena bianca e Silvio Berlusconi si preparava a scendere il campo, Pierferdi si schierava col Cav nella Casa delle libertà. Salvo poi chiamarsi fuori, in occasione del lancio del Pdl da parte del leader azzurro dal famoso predellino della sua auto.

LEGGI ANCHE: 

Quirinale 2022, ecco chi potrebbe essere appoggiato da Pd, M5s, Lega e Fi

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    casiniconteelezionilegam5smattarellamelonipdquirinalerenzisalvini
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.