A- A+
Politica
Quirinale, Renzi ininfluente: ormai ha perso il tocco magico

Quirinale, il nervosismo di Matteo Renzi tra il timore di un voto anticipato e quello dell’ininfluenza nell’elezione del presidente della Repubblica

Manca grossomodo un mese e mezzo all’elezione del presidente della Repubblica, l’appuntamento con la finale di partita che tutte le forze politiche e i rispettivi leader non vogliono mancare. Persino il segretario del Pd Enrico Letta comincia ad abbandonare quel suo granitico convincimento, diventato anche un appello a tutte le forze politiche, di non parlare di Quirinale almeno fino a gennaio. Ognuno insomma vuole stare in campo e contare. Qualcuno più degli altri, in realtà. E questo qualcuno è Matteo Renzi che, mai come stavolta, raccontano a Palazzo, è particolarmente nervoso.

“Per una ragione molto semplice - dicono  ad Affari -: perché non sa a cosa appigliarsi. Da un lato teme il voto anticipato, ma dall’altro teme anche l’ininfluenza nell’elezione presidenziale, qualora si dovesse delineare l’ipotesi di un capo dello Stato eletto all’unanimità”. Ecco perché lo spauracchio della fine anticipata della legislatura agitato alla Leopolda svela in primis un suo personale timore. Ed ecco spiegato pure il motivo dell’atteggiamento tiepido da parte del leader di Italia viva, per non dire contrario, all’ipotesi Draghi al Quirinale. Con l’attuale premier sul Colle più alto, infatti, entrambi i suoi peggiori incubi – voto e ininfluenza – diverrebbero realtà.

C’è anche chi, dietro garanzia di anonimato, sostiene con il nostro giornale che l'alt su Draghi da parte di Italia viva sia dovuto a “una sorta di ripicca nei confronti dell’inquilino di Palazzo Chigi che non dedica le giuste attenzioni a Renzi. Dopo tutto, è stato proprio il leader di Iv tra i principali sponsor dell’’ex presidente della Bce al governo”. Se anche fosse, però, riflette un parlamentare dem, “c’era da aspettarselo. Draghi è un uomo di scuola democristiana, per cui guarda alle grandi forze del Parlamento e quindi a Pd, Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Movimento cinque stelle. Pure ammesso che il premier stia conducendo una silenziosissima campagna di sponsorizzazione del suo nome al Colle, non si appoggerebbe certo a un partito del 2 per cento. E’ un po’ come se il governatore della Banca centrale europea si affidasse alla linea politica del Lussemburgo piuttosto che a quella di Italia, Francia e Germania”.

Quirinale, Renzi ha perso il tocco magico e ora rischia la fine di Fini

Sia come sia, a conti fatti, la verità è che Renzi sembra aver perso il suo tocco magico e che l’operazione che portò Sergio Mattarella sul colle più alto - e di cui è stato tra i principali king maker - non sarà neppure in piccola misura replicabile. Non solo, ma stavolta, elezioni anticipate o no, il leader di Rignano rischia davvero di fare la fine di Gianfranco Fini e Iv quella di FlI. “Con una differenza, però - continua il deputato Pd -: Fini non diede mai l’impressione di voler saltare nell’altra coalizione…”.

La parabola pare tracciata. Per quanto ci provi, l'ex premier difficilmente riuscirà a dare le carte. Sono lontani i tempi del Patto del Nazareno, quando riuscì a sparigliare i giochi politici, creando in un colpo solo zizzanie sia dentro il suo partito di allora, il Pd, e sia dentro Forza Italia. L'uomo con l'ambizione delle rotture  – lo ha fatto mettendo fuori gioco la Lega e agevolando la nascita dell'esecutivo giallorosso e poi mettendo fuori gioco Conte per spianare la strada a Draghi e spaccare l’asse Pd-M5s -, non sembra essere in grande spolvero. “Mettiamola così - aggiunge il parlamentare -: Renzi avrebbe voluto essere un po’ un Craxi, con un partito dell’8-9 per cento, poi via via del 10-12 e forse anche del 14, in grado di costituire, in uno schema bipolare, una avanguardia necessaria tra le due grandi componenti dei comunisti e dei democristiani. Ma il leader di Iv questa forza non ce l’ha”.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    enrico lettaforza italiaitalia vivamario draghimatteo renzipaolo gentilonipdpierferdinando casiniquirinalesergio mattarellasilvio berlusconi
    in evidenza
    Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

    Meteo, offensiva siberiana

    Neve e gelo all'assalto dell'Italia
    Le previsioni sono da brivido

    i più visti
    in vetrina
    Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

    Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!


    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

    Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.