A- A+
Politica
Renzi ha deciso: elezioni anticipate a ottobre o a marzo


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Matteo Renzi ha deciso. Ufficialmente non lo dice, ma lo fa capire tra le righe. La legislatura non durerà fino al 2018. Il presidente del Consiglio si è convinto di andare alle urne per le elezioni politiche il prima possibile. Se riesce già in ottobre, altrimenti nella primavera del prossimo anno. Parlando con i suoi più stretti collaboratori a Palazzo Chigi, il premier non ha usato mezzi termini: "Basta, si va al voto". L'incidente potrebbe essere la legge elettorale. Ma comunque vada la battaglia sull'Italicum alla Camera la strada per le urne è spianata. Se la riforma venisse modificata o addirittura bocciata con il voto segreto, nel caso il governo metta la fiducia, la reazione di Renzi sarebbe immediata: al Colle da Mattarella per le dimissioni e richieste di elezioni anticipate subito dopo l'estate.

Ma anche se l'Italicum dovesse essere approvato (le minoranze dem sono divise e probabilmente non hanno il coraggio di andare fino in fondo) per il premier la legislatura è ormai giunta al capolinea. Con la nuova legge elettorale in vigore e i timidi segnali di ripresa economica (in particolare i primi dati positivi sull'occupazione dopo il Jobs Act) da giocarsi in campagna elettorale per il segretario del Partito Democratico si aprirebbe un'autostrada. Attendere il 2018 sarebbe troppo rischioso e il Centrodestra potrebbe tornare unito tra tre anni. Meglio andare alle urne ora con le opposizioni divise e soprattutto con l'Italicum che prevede il premio alla lista e non alla coalizione. Una norma che complica non poco i piani di Salvini, Berlusconi, Fitto e Meloni. Ci sono poi i conti interni da regolare. Renzi non ne può più di Bersani, Bindi, Fassina, Cuperlo, Civati & company.

L'obiettivo è andare al voto solo con la lista del Pd e non ricandidare nessuno della sinistra interna. Se vogliono - è il ragionamento del premier - si fanno un altro partito con Sel e Rifondazione Comunista. Non solo. Il leader dem punta anche a inglobare in caso di elezioni i Socialisti di Nencini, gli ex montiani di Scelta Civica e soprattutto l'Ncd di Alfano. Una sorta di nuova Democrazia Cristiana, ovvero quel Partito della Nazione sempre più al centro e sempre meno di sinistra. Riformista e liberale. E' evidente che non tutti gli esponenti di Area Popolare accetterebbero di correre nelle liste del Pd. E' probabile che la De Girolamo e i suoi fedelissimi tornino verso Forza Italia. Il dado è tratto e Renzi vuole le urne il prima possibile. I tempi sono importanti e vince chi gioca d'anticipo.

Tags:
renzi elezioni anticipate
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire

 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.