A- A+
Politica
Renzi vuole votare in autunno. Il Pd è pronto a sfidare il Quirinale


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Su un punto sembra che non ci siano dubbi: votare prima dell'estate è tecnicamente impossibile. Non ci sono i tempi per approvare l'Italicum in via definitiva e, comunque, anche se ci fosse un'accelerazione tra Camera e Senato, non ci sarebbero i tempi tecnici per ridisegnare i nuovi collegi elettorali. E quindi? Come si esce dall'empasse? La situazione politico-istituzionale è molto ingarbugliata. Enrico Letta punta ad andare avanti e, forte del sostegno del Quirinale, si prepara a varare un mini-rimpasto con un nuovo programma per il 2014.

Ma così non si risolverebbe il tira e molla con il segretario del Partito Democratico e l'esecutivo resterebbe debole. L'ipotesi Renzi premier rimane in campo, confida ad Affaritaliani.it un parlamentare vicinissimo al sindaco di Firenze. In quel caso non ci sarebbe l'appoggio di Berlusconi e di Forza Italia perché l'obiettivo sarebbe quello di tenere distinti il piano del governo da quello delle riforme. L'orizzonte di un governo Renzi, che probabilmente tenterebbe un'apertura a Sel per allargare la maggioranza, sarebbe quello di almeno due anni. Il tempo necessario per portare a termine oltre alla legge elettorale anche la riforma del Titolo V della Costituzione ed eliminare il bicameralismo perfetto con l'introduzione del Senato federale.

Napolitano, però, ha molti dubbi e preferirebbe limitare al massimo i cambiamenti e andare avanti con Letta a Palazzo Chigi. L'ipotesi migliore però per Renzi è quella delle elezioni politiche in autunno. I tempi ci sono. Si approva l'Italicum, tecnicalità comprese, si fa una sorta di prova generale con le Europee di fine maggio e poi si vota in autunno per le Politiche. La riforma elettorale prevede un comma anche per il Senato e quindi non ci sarebbero particolari problemi. Il nodo - spiega un deputato bersaniano - è il semestre di presidenza dell'Ue. "Hanno fatto i conti senza l'oste. Il Colle non manderà il Paese alle urne durante il semestre", spiega la fonte.

Ma dal campo renziano ribattono: "C'è un precedente, nel 2006 abbiamo votato durante il periodo di presidenza dell'Unione. Perciò nessun problema". Si profila quindi un ipotetico scontro tra Renzi e Napolitano sulla data del voto. La situazione comunque è simile a un tringolo: Letta, segretario del Pd e Quirinale. Il premier non vuole mollare, il Capo dello Stato lo sostiene ma il partito del presidente del Consiglio è guidato da chi vorrebbe essere lui capo del governo, possibilmente dopo le elezioni.
 

Tags:
lettanapolitanorenzirimpastoelezionigoverno
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire

 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.