A- A+
Politica

Azzerare i vertici di Scelta Civica e provvedere all'elezione di una struttura, dall'ufficio di presidenza in giu', che possa restituire smalto al partito, dopo il periodo di 'appannamento' seguito alle elezioni. E' quanto si propone il documento firmato da 33 parlamentari di Scelta Civica e che sara' presentato domani durante l'assemblea del partito. Un ruolo fondamentale, per i firmatari, e' richiesto a Mario Monti, chiamato a riappropriarsi del partito accettando la carica di presidente. Il documento propone una "ripresa incisiva del ruolo" di Scelta Civica come "coscienza critica riformatrice in seno alla nuova maggioranza di governo e il suo collegamento organico con i gruppi e movimenti che si ispirano alle stesse idee". Si tratta di una proposta di delibera stesa da Tito Dimaggio, Stefania Giannini, Pietro Ichino e Mariano Rabino, per l'assemblea costituente di Scelta Civica del 16 maggio 2013, preparatoria del congresso nazionale che si svolgera' nel prossimo autunno. "Il movimento nato il 23 dicembre 2012 intorno all'Agenda Cambiare l'Italia Riformare l'Europa", vi si legge, "dopo aver conseguito un risultato elettorale inferiore alle attese, ma pur sempre positivo, ha attraversato un periodo di assestamento, ma anche di appannamento della propria missione e della propria immagine, che deve essere al piu' presto superato. Scelta Civica ha ora dunque la necessita' urgente di riaffermare limpidamente e con forza la propria vocazione politica alla costruzione dell'Unione Europea e alla piena integrazione in essa dell'Italia, attraverso le riforme profonde e incisive che l'integrazione stessa richiede; recuperare il consenso diffuso intorno ai contenuti del proprio programma e prioritariamente dei capitoli di esso riferiti all'economia nazionale, al mercato del lavoro e allo stato sociale, alle amministrazioni pubbliche, all'istruzione e ricerca, alla valorizzazione del patrimonio culturale; realizzare una forte iniziativa politica nel Paese e in Parlamento su questi temi e obiettivi, aggregando intorno ad essi tutti i gruppi, associazioni e movimenti che ne condividono l'ispirazione e che oggi sono privi di rappresentanza politico-parlamentare; evidenziare meglio la propria posizione e ruolo, come promotrice del cambiamento, nel quadro politico generale, ed esercitare incisivamente la funzione di coscienza critica riformista tra le forze dell'attuale maggioranza".

"Nel superamento dell'attuale fase provvisoria di governance e', pertanto, indispensabile - si legge ancora nel documento - che Scelta Civica si dia senza indugio, mediante elezione, una struttura di vertice capace di rappresentarne unitariamente tutte le componenti e al tempo stesso di valorizzare le competenze disponibili, in relazione ai contenuti programmatici, nella quale al Presidente si affianchino due Vicepresidenti, un/a Coordinatore/coordinatrice politico/a, un/a Responsabile dell'Organizzazione, un/a Portavoce responsabile del sistema della comunicazione, un/a Coordinatore dei programmi; istituisca una Segreteria Politica composta dai titolari delle funzioni di cui al punto precedente, dai capigruppo di Camera e Senato e dai membri del Governo nazionale, nonche' da ulteriori sei membri, eletti tra i parlamentari; recuperi anche formalmente, nella posizione di Presidente, il proprio fondatore e leader naturale nella persona di Mario Monti; si impegni immediatamente nella costruzione di una rete snella ma capillare di strutture regionali e cittadine, su tutto il territorio nazionale, affidandone la costituzione a gruppi costituiti dai parlamentari di ciascuna regione, sotto il coordinamento del Responsabile dell'Organizzazione; promuova il collegamento in rete di tutti i gruppi, associazioni e movimenti che condividono lo spirito e i contenuti essenziali dell'Agenda Cambiare l'Italia Riformare l'Europa; promuova al piu' presto una serie di incontri pubblici dedicati rispettivamente a ciascuno dei capitoli prioritari del proprio programma, incominciando da quello del lavoro e del welfare, da quello della promozione delle eccellenze nel settore dell'istruzione e della ricerca, da quello della trasparenza, valutazione e benchmarking nelle amministrazioni e da quello della valorizzazione del patrimonio culturale". A firmare il documento sono stati: Alberto Bombassei Ilaria Borletti Mario Caruso Mario Catania Andrea Causin Antimo Cesaro Luciano Cimmino Angelo D'Agostino Stefano D'Ambruoso Gianpiero Dalla Zuanna Tito Dimaggio Angela D'Onghia Stefania Giannini Pietro Ichino Linda Lanzillotta Gianfranco Librandi Alessandro Maran Mario Marazziti Andrea Mazziotti Di Celso Maria Paola Merloni Bruno Molea Giovanni Monchiero Edoardo Nesi Roberta Oliaro Mariano Rabino Andrea Romano Giulio Cesare Sottanelli Gianluca Susta Irene Tinagli Pierpaolo Vargiu Andrea Vecchio Enrico Zanetti.

Tags:
montiscelta civica
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.