A- A+
Politica
Scuola, il premier rimandato. La minoranza Pd in rivolta

La riforma della scuola approvata dalla Camera rischia di essere stravolta in Senato. Parte della minoranza del Partito democratico  è in subbuglio, capofila degli scontenti è sicuramente  Corradino Mineo, senatore dem e membro della Commissione cultura del Senato. Intervistato ad Affaritaliani.it, boccia la riforma della "buona scuola"  licenziata dalla Camera e promette battaglia a Palazzo Madama  per cambiarla. Mineo la definisce "molto pasticciata, il mio giudizio per ora non è positivo. Intanto non è una riforma perché manca un'idea di formazione universale adeguata all'oggi, manca il senso della missione della scuola pubblica e l'impegno per la dignità dell'insegnamento".

L'ex direttore di Rainews  apprezza però "l'assunzione dei precari" ma, precisa, "non è rispettato il merito. Il governo parla giustamente di merito ma in realtà assume tutti quelli  che sono inseriti nelle graduatorie in esaurimento, alcuni dei quali non hanno mai insegnato e ci sono invece persone che hanno insegnato per anni con tre o 4 abilitazioni che rimangono fuori e sono disperate. E poi c'è la storia del preside: una foglia di fico verticista". A Palazzo Madama Mineo si batterà per modificare  radicalmente la riforma:  "Il governo ha detto che in Senato si può cambiare e come componente della Commissione cultura farò di tutto per migliorarla, tenendo conto di questo movimento di lotta straordinario che non si esaurisce al sindacato ma comprende tutte le categorie della scuola". Poi si dissocia da Stefano Fassina che  ha minacciato di lasciare il Pd qualora passasse  la riforma così com'è: "Perché dovrei minacciare le dimissioni visto che la riforma arriva in Commissione al senato in queste ore l'esecutivo ha aperto a delle modifiche? Ripeto, ci sarà una battaglia parlamentare. Io farò la mia a pieno titolo e a pieno diritto. Vediamo che cosa faranno gli altri".

Più morbido Paolo Corsini anche lui senatore della minoranza dem. Sempre ad Affaritaliani.it spiega che "il lavoro fatto alla Camera è positivo, nel senso che sono state introdotte indubbi miglioramenti e correzioni . In Senato poi ci lavoreremo ancora. Per questo non ho perso la speranza di promuovere un provvedimento ulteriormente migliorato". L'ex sindaco di Brescia  si riferisce "al tema delle chiamata, della decontribuzione, a un più ampio grado di valorizzazione della scuola pubblica e a un rapporto più equilibrato con la quella paritaria". Per Corsini la riforma passerà senza troppe difficoltà e senza nessuna scissione del Pd:  "Nessuno intende frapporre ostacoli insuperabili. L'intento di tutti è di arrivare ad un testo il più possibile condiviso e il più possibile migliorato".

Daniele Riosa (@DanieleRiosa)

Tags:
scuolapdminoranzariformarenzi
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.