A- A+
Politica

di Francesca Ribeiro

Papa Francesco ha fatto perdere la testa a Eugenio Scalfari, al punto che il fondatore de La Repubblica, non capisce neppure i suoi discorsi. Scalfari ha infatti scritto: “Francesco abolisce il peccato servendosi di due strumenti: identificando il Dio cristiano rivelato da Cristo con l'amore, la misericordia e il perdono. E poi attribuendo alla persona umana piena libertà di coscienza.” (La Repubblica 29 dicembre 2013). Ora, la misericordia di Dio al più abolisce la conseguenze del peccato, così come un indulto abolisce le conseguenze di un reato, ma affermare che è stato abolito il peccato significa che non esiste la possibilità di peccare, concetto che non è possibile nella maniera più assoluta attribuire al Papa. Se l’affermazione di Scalfari rispondesse a verità, il Papa si sarebbe messo  in contrasto non solo con l’Antico Testamento,  ma con San Paolo, col vangelo, nella sostanza, con Cristo stesso. Viene il sospetto, ma è solo un sospetto, che sia una ingenua trovata di Scalfari per avere modo di parlare ancora col Papa.

Tags:
scalfaripapa
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.