A- A+
PugliaItalia
Approvato Bilancio 2014. Vendola: 'Controtendenza e giustizia sociale'

Il disegno di legge “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2014 e bilancio pluriennale 2014 – 2016 della Regione Puglia è stato approvato a maggioranza con voto elettronico: 38 sì, 18 no e 1 astenuto.

“In questa legge di bilancio si fanno delle scelte in controtendenza che vanno nella direzione della giustizia sociale e dell’equità. C’è una parte della Puglia che è sprofondata nella povertà. Quella parte, è il nostro orizzonte privilegiato di osservazione. Questo bilancio insomma offre alla Puglia delle risposte importanti in una condizione economica drammatica anche per le Pubbliche amministrazioni alle prese con i tagli, sempre più pressanti, dei trasferimenti statali”.

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha commentato la legge di bilancio di previsione 2014, approvata in serata dal Consiglio regionale.

“In particolare - ha detto Vendola - noi abbiamo salvato il Trasporto pubblico locale con un accordo importante con le Province e con i Comuni, continuando a sostenere quel diritto alla mobilità che riguarda soprattutto tanti pugliesi, pendolari lavoratori e studenti. I rischi di decapitazione di questo diritto erano molto forti. Noi siamo riusciti invece a chiudere un accordo estremamente positivo”.


 

“E poi abbiamo raggiunto risultati importanti anche sul tema che era apparso quello più controverso, e cioè il tema dell’ecotassa. Con il voto di astensione delle opposizioni, abbiamo confermato il principio che indica giuste e sacrosante premialità per chi innalza in modo considerevole la raccolta differenziata e abbiamo dato un tempo di adeguamento a tutte le amministrazioni comunali, che sono in grave e ingiustificabile ritardo, affinchè possano portare delle percentuali superiori di differenziata”.

Vendola ha poi confermato di aver ampliato nel bilancio le scelte “di lotta alla povertà, con l’approvazione, ad esempio del provvedimento per le famiglie numerose, e di lotta alla precarietà”.

“Sono molto soddisfatto – ha concluso Vendola – anche perché credo che stiamo per sciogliere positivamente il nodo che riguarda l’avvio alla riqualificazione del consorzi di bonifica. Non possiamo immaginare di poter sopprimere un ente che ha una natura di rango costituzionale. Certo noi andiamo incontro alle sofferenze economiche di questi enti, ma chiediamo a questi enti un percorso di risanamento e un piano industriale”.

 

Tags:
vendolabilancioregione pugliacontrotendenza
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.