A- A+
PugliaItalia
taranto ilva

Perché il comune di Taranto non ha ancora presentato la richiesta risarcimento danni per inquinamento provocato dallo stabilimento Ilva ? Perché in questi ultimi 8 anni il comune ha conferito incarichi di consulenze esterne a legali professionisti esterni senza mai presentare la richiesta di risarcimento danni ?

Questa la storia : con sentenza n. 38936/2005 , 24 ottobre 2005, la Corte Suprema di Cassazione confermava in via definitiva la condanna a carico di  Emilio Riva per il reato previsto dall’art.674 del codice penale per i danni ambientali recati alla città .

stefàno taranto

In questi anni il comune di Taranto ha conferito l’incarico a numerosi legali, esterni all’amministrazione, per presentare la citazione per danni ai danni di Ilva SPA . Ma ad oggi nessuna citazione e’ stata presentata .

Perché ? Abbiamo ricostruito tutta la vicenda in una conferenza stampa, con documenti allegati , che dimostrano che vi sono stati ritardi ingiustificabili e ancor più ingiustificabile il fatto che ad una distanza di 8 anni non sia stato chiesto dal comune all’Ilva SPA di pagare i danni alla città di Taranto. Quale sono le ragioni di questo ritardo ingiustificabile da parte del comune ?

Bisogna fare chiarezza e per questo presenterò un esposto alla corte dei Conti perché il comune deve spiegare perché ha conferito tutti questi incarichi legali in presenza di un ufficio legale del comune e perché ha conferito incarichi a legali , poi revocato e poi conferito nuovi incarichi . Una giravolta di consulenza e incarichi esterni che non comprendiamo, anche perche’ nessuna richiesta di risarcimento ad oggi e’ stata presentata . Copia della nostra documentazione verrà’ anche inviata alla procura di Taranto nell’ambito dell’indagine in corso .

Quello che appare incomprensibile e’ la decisione del comune di Taranto di non presentare la richiesta di risarcimento danni sulla base di una precedente sentenza già passata in giudicato quella della cassazione del 2005 e invece di chiedere un accertamento preventivo richiesta bocciata alcuni mesi fa dal tribunale . Cosa significa tutto cio’ ? Che il comune ricomincia di nuovo da dove era partito mentre il tempo passa e il patrimonio dei Riva non e’ piu’ quello di anni fa , tra sequestri e passaggi societari.

Taranto respira

Ma come e’ possibile far passare tutti questi anni quando per presentare quell’atto avrebbero dovuto impiegare poche settimane ? La consulenza tecnica per il risarcimento danni e’ stata affidata dal comune di Taranto ad una dottoressa commercialista, quando l’agenzia dell’ambiente europea ha stabilito per Taranto i danni ambientali provocati da Ilva in una misura media di circa 320 milioni di euro all’anno….

Ad oggi il comune di Taranto non ha ancora richiesto questi danni di circa 700 milioni di euro, relativi alla sentenza della cassazione del 2005.. Una domanda sorge spontanea : ma nel disordine c’è un’ordine …?
Ps: preferisco dedicarmi a queste cose che commentare le vicende di Berlusconi

Angelo Bonelli

Presidente Nazionale Verdi

Consigliere Comunale Taranto

(da Tarantorespira.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bonellitarantoilvarisarcimentodanni
i blog di affari
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.