A- A+
PugliaItalia
Comunali, Di Paola: "Ho fermato una nave con il vento in poppa"

Bari – C’è un momento, in ogni campagna elettorale, in cui supposizioni e analisi e presagi devono lasciare il posto ai numeri. Ad urne chiuse, comincia la girandola dei dati e quelli dai quali partire arrivano da Bruxelles: 31,8% di preferenze per i democratici, 22,9% per i forzisti con Fitto a quota 275mila, i Cinque Stelle al 26,6% e Massimo Cassano che regge a 18mila sull’intera circoscrizione. Quanto impatteranno sulla sfida per Palazzo di Città e quanto saranno sovrapponibili? Sarà riuscita a Mimmo Di Paola la rincorsa per agganciare il centrosinistra di Antonio Decaro? E quanto riuscirà a sparigliare Desirèe Digeronimo?

I primi big cominciano ad apparire alla chetichella: “Lo scollamento nel risultato del M5S, ipotizzabile rispetto al risultato europeo sarà determinante per rinviare questa partita al ballottaggio”, commenta con Affari il socialista Alberto Tedesco, ex padrino politico di Decaro. L'ingegnere di Impegno Civile attende le fasi successive dello scrutinio per commentare: "Come vivo questo momento? Bene, sono con i miei ragazzi".

SPECIALE/ SEGUI I NUMERI DEL VOTO

00.25 - Sezioni 304 su 345: Decaro 49,30%, Di Paola 35,92%, M5S a 7,58%. Lacoppola, Ranieri e Sciacovelli  i più suffragati tra gli alfaniani: incassano rispettivamente 1177, 1025 e 834 voti.

23.59 - DECARO: "I BARESI HANNO SCELTO" - Il distacco è notevole e sento la responsabilità che mi è affidata: i baresi scelgono oggi una nuova classe dirigente per dare risposte positive alla città. Pensiamo di poter vincere già stasera ma, se non dovesse accadere, significherà che vinceremo ai supplementari". 294 sezioni: Decaro al 49,30%, Di Paola al 35,84%.

23.30 - DI PAOLA: HO FERMATO UNA NAVE CON IL VENTO IN POPPA - "Gioco fino ai supplementari, lo devo ai cittadini che mi hanno votato e a coloro che mi sostengono: non sono un politico di professione ed ho fermato una nave con un vento in poppa straordinario"

23.20 RISULTATO SUL FILO, DESIREE TEMPOREGGIA - Sezioni: 273 su 345. Decaro al 49,26%; Di Paola segue al 35,94%. Desirèe Digeronimo, stando ai risultati, dovrebbe entrare in Aula Dalfino: "Mi aspettavo qualcosa in più, è evidentemente un voto personale e sono onorata di poter essere in Consiglio, servire la città e collaborare con le altre forze politiche. Abbiamo giocato una partita a mani nude ma è presto per parlare di alleanze sull'eventuale secondo turno".

23.10 - CELLAMARE, CASSANO E TURI AL CENTROSINISTRA.

23.05 - LACARRA (PD)SBANCA, PICARO E FINOCCHIO IN TESTA PER FI - Mentre Decaro è stabile al 49,24%%, a 257 sezioni il più suffragato dei democratici è l'uscente Marco Lacarra con  1103 preferenze, mentre a guidare la lista azzurra sono Michele Picaro e Pasquale Finocchio, rispettivamente a 824 e 684 voti. Anna Maurodinoia ottiene ben 1903 per gli schittulliani.

22.48 - DECARO SUPERA LA SOGLIA DEL 49% - Decaro sale al 49,35% quando le sezioni scrutinate sono 250 su 345, Di Paola al 36,06%, Mangano al 7,51, Desirèe al 3,16%. A Copertino due donne al ballottaggio e sfida interna al centrosinistra, a Carosino vince Sapio per la civica di centrosinistra. 

22.33 - "VOTI 5 STELLE SU DECARO" - A Bari 232 sez su 345: Decaro sale al 49,11% con poche variazioni decimali, Di Paola al 36,34%, Mangano con 7,45%, Desirèe al 3,19%. Per il coordinatore azzurro D'Ambrosio Lettieri, gli esiti del voto si spiegano finora con più di venti punti grillini, guadagnati alle Europee e confluiti sul candidato del centrosinistra. A Foggia, ago della bilancia del probabile ballottaggio sarà Leo Di Gioia, assessore regionale al 19%, mentre l'outsider Luigi Miranda potrebbe appoggiare il centrodestra di Franco Landella.

22.15 - DATO STABILE, VERSO IL BALLOTTAGGIO - A 213 sezioni su 345, il dato stabile sembra condurre al ballottaggio: Decaro avanti a 49,04%, Di Paola dietro a  36,31%. A spaventare il centrodestra è il 12,38% incassato da Forza Italia e non mancano prime analisi per le quali, i 10 punti mancanti rispetto alle Europee sarebbero quelli accordati a Fitto dal Movimento Schittulli. Enrico Fusco sprona i democratici: "Mancano ancora delle sezioni e possiamo farcela. Paccione? Se non dovessimo chiudere al primo turno, qualcuno dovrà farsi un esame di coscienza".

22.02 - A CORATO VINCE MAZZILLI, PUTIGNANANO AL CENTRODESTRA, FOGGIA VERSO IL RINVIO

19.38 - EMILIANO: "NON VEDO L'ORA DI CEDERE LA FASCIA AD ANTONIO" - "Sono ore di trepidazione e poche centinaia di voti ci separano dalla vittoria", commenta Michele Emiliano, "se fosse stato possibile, confesso che mi sarei ricandidato, visto che ho trovato in questo ruolo la condizione che più mi appassiona. Ho fatto il Sindaco della città più di chiunque altro ma non vedo l'ora di cedere la fascia tricolore ad Antonio [Decaro]".

1 EmilianoBari.jpg
 

18.53 - ANCHE DA DI PAOLA SPUNTA LA FOCACCIA - Con 38 sezioni scrutinate, Decaro conduce a 48,46%, seguito da Di Paola al 36,53%; 5 Stelle al 7,27%; Desirèe al 3,20%; Paccione al 1,79%. Intanto, al Comitato di Di Paola rompono la tensione con la focaccia, cavallo di battaglia di accuse al competitor di centrosinistra. Ninni Cea, ormai ex consigliere è certo del ballottaggio: "Nei prossimi quindici giorni gli elettori potranno concentrarsi sul voto barese". Poi replica a Cassano: "Forza Italia non ride e ha perso punti rispetto alle Politiche? I numeri hanno consacrato un leader ed è Raffaele Fitto".

16.50 – GINEFRA: “ELENA GENTILE PER IL DOPO VENDOLA? SAREBBE UN ERRORE” -A dodici sezioni scrutinate, il risultato resta sostanzialmente stabile in favore di Decaro (49% a 32%). In via Calefati arrivano Guglielmo Minervini e Dario Ginefra: “L’elemento caratterizzante di queste elezioni è la mancanza dei listini bloccati, per questo dico che il risultato del Comune mostrerà ulteriormente l’inconsistenza della proposta grillina, al netto dell’effetto trascinamento di Grillo e Casaleggio”, commenta l’onorevole. “Le 145mila preferenze di Elena Gentile? Frutto del lavoro di squadra del partito, in primis di Michele Emiliano, che ha lavorato pancia a terra”. Tuttavia, esclude l’assessore regionale dal novero degli aspiranti al dopo Vendola: “Sarebbe un errore. Significherebbe privare il territorio di una preziosa cinghia di trasmissione tra le istituzioni locali e Bruxelles”.

16.25 - CASSANO: "EUROPEE? FI PERDE 13 PUNTI, FESTEGGIANO NCD E PD - A dieci sezioni scrutinate, Antonio Decaro stacca il centrodestra di 20 punti (50,59% a 31, 90%). Massimo Cassano stuzzica gli alleati azzurri: "Oggi gli unici partiti che possono festeggiare siamo noi di Ncd e il Pd di Renzi. Non certo Forza Italia che perde 13 punti rispetto alle ultime Politiche", rivendica, ribadendo la natura "di servizio" della propria candidatura e l'utilità delle primarie come modus di scelta della classe dirigente. "Obiettivo per i risultati di Palazzo di Città? Andare oltre il 7% delle Europee", manda a dire il Sottosegretario.

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comunalibari2014elezionispogliorisultatisindacodi paoladecaro.
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.