A- A+
PugliaItalia
Dieci artisti per Dieci mesi Alessandro Fusco | PRAY

Nell’ambito del progetto culturale 10x10, dieci artisti per dieci mesi, riformulato in seconda edizione da Amalia Di Lanno, si inaugura nella sala espositiva del Laboratorio Urbano Officine Culturali di Bitonto (Ba) la mostra PRAY di  Alessandro Fusco a cura di Amalia Di Lanno.

Figure femminili indefinite si materializzano, si trasformano, velocemente si muovono, aggrappate a una identità quanto mai precaria, alla costante ricerca di un autore che dia loro voce, forma, immagine. Personaggi di un libretto teatrale sono le donne di PRAY, progetto espositivo che Alessandro Fusco ‘dirige’ e presenta in una serie di frame fotografici, passaggi che sviluppano una pellicola della memoria rivestita di un passato in bianco e nero, ma proiettata in un futuristico scenario su cui impera ossessiva una litania seriale: PRAY FOR ME. Immagini sbiadite che viaggiano e vivono nel tempo: provini infiniti che ci conducono poi alla scelta, ma sarà mai quella giusta?

Se lo chiede e ce lo chiede Alessandro Fusco, che in PRAY riflette sulla realtà, prendendo coscienza delle trasformazioni repentine a cui quotidianamente siamo assoggettati. Reale, virtuale, non importa: PRAY. Un imperativo quello che Fusco intende comunicare in questo lavoro, un invito e una richiesta di socialità concreta e tangibile che superi un universo relazionale virtuale e sospeso. Una preghiera, quella che il nostro mette in scena, che desidera provocare, destare, indurre alla riflessione. La volontà forte di denunciare e urlare silenziosamente una meditazione profonda.

Lo sconforto, ma altresì la difficoltà di essere realmente se stessi mentre tutto intorno (reale, o forse no) cambia grazie al potere di un semplice like virtuale. Fusco sceglie come protagoniste uniche e privilegiate donne che ‘riporta dal passato’, riveste e catapulta con forza nella contemporaneità; offre loro la sua voce, onorando il suono di un mondo femminile che nella storia ha espresso e dimostrato con vigore la volontà di poter fare e, soprattutto, di libertà. Sempre uniche le donne che Fusco rappresenta, differenti in ogni gesto e azione, timide, eleganti, sfacciate: PRAY non è che un campionario eterogeneo e identificativo di una diversità uniformata da un abito comune di cui il nostro fa uso, omaggiando lo stile e il fascino di un tempo passato. Nessuna identità definita, sono donne di ieri, oggi, domani. Cambiano rincorrendo un tempo fugace, eppure restano ferme, quasi estranee alla variabilità repentina.

Il tempo è per Fusco un fattore determinante, parametro di studio e analisi del mondo contemporaneo, sempre presente nei suoi lavori, una chiave di lettura fondamentale mediante la quale il nostro riesce a comunicare l’esterno fermandosi e soffermandosi nello spazio di un tempo esasperatamente lungo. Una esposizione che Fusco ‘dilata’ affinché tutto appaia immobile e fermo, e nel desiderato silenzio sopravviene l’ascolto, ci si ripiega su se stessi, la solitudine diviene atto e in un momento ben calibrato si scrive la scena: la prima, la seconda, la terza e poi la pièce, finita, virtuale, reale…è l’ora di PRAY.

In occasione del vernissage Alessandro Fusco propone una performance teatrale dal titolo ‘PRAY FOR ME’: di Alessandro Fusco con Giulia Sangiorgio

Orario visita:
dal lunedi al venerdi
9.00 - 21.00

Ingresso: Gratuito

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bitontoartisti10 x 10fuscopraydi lanno
i blog di affari
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.