A- A+
PugliaItalia
FdL: Intesa Regione-Provincia Accordo per la vita stessa dell'Ente

Un’intesa per confermare il contributo straordinario per il piano di ristrutturazione della Fiera del Levante è stata firmata al termine dell’incontro (propedeutico alla riunione con i soci) tra il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il Presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli.

La Regione Puglia ha confermato il contributo di 4,5 milioni di euro mentre la Provincia di Bari ha confermato “l’impegno già comunicato con la nota del 9 luglio scorso”.

Sia la Regione che la Provincia precisano che “il contributo straordinario previsto dalla legge regionale non deve essere destinato al ripiano dei debiti precedentemente contratti dalla Fiera, ma va posto esclusivamente a sostegno della ristrutturazione”.

“Credo che oggi abbiamo fatto vincere le ragioni del bene comune", ha detto il presidente Vendola, "nell’interesse della Puglia e di Bari. E questo lo dobbiamo soprattutto al senso di responsabilità dei soci fondatori della Fiera del Levante. Abbiamo avuto protagonisti molto responsabili e li ringrazio tutti”.

vendola schittulli
 

Il Presidente della Regione Puglia, al termine dell’incontro con i soci fondatori della Fiera del Levante, ha presentato il verbale di intesa sottoscritto con il Presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli

“Credo – ha continuato Vendola - che la scelta dei soci (Comune Provincia Camera di Commercio e Regione) di mettere in campo un contributo straordinario importante, che non serve a ripianare buchi di bilancio bensì a rilanciare, a ristrutturare e a ridare una prospettiva lunga di vita alla Fiera del Levante, sia un fatto molto importante in un’epoca in cui la politica sembra un po’ alterata dalle necessità propagandistiche”.

Fdl loc 2014
 

Per Vendola dunque si è trattato di “un accordo necessario anche perché siamo alla vigilia della inaugurazione della Fiera del Levante con il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi”.

“Abbiamo lavorato, ciascuno per la sua parte e con tanta fatica, per comporre questo accordo – ha aggiunto il Presidente Vendola - i problemi che abbiamo vissuto non sono politici ma tecnici, legati alla interpretazione delle norme e a cosa era possibile e doveroso fare. Ripeto, siamo di fronte alla condivisione di un contributo straordinario. Non è un’operazione di rammendo o di sopravvivenza. Serve a rilanciare la Fiera del Levante. Quindi non stiamo parlando di sopravvivenza, ma di vita stessa della Fiera”.

Vendola ha anticipato l’impegno della Regione che, già nelle prossime, potrà erogare l’anticipo che corrisponde al 60% del contributo complessivo (4,5 milioni di euro).

“La Fiera del Levante dunque vivrà – ha concluso Vendola – senza fare alcuna operazione di macelleria sociale sui lavoratori. Ma soprattutto terremo viva quella che è la sfida fondamentale del sistema economico pugliese, avere cioè nella Fiera del Levante una porta aperta sul mondo”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fdlintesaregioneprovinciaaccordovendolaschittulli
i blog di affari
Meglio praticare sport o fare una dieta?
Anna Capuano
A Kabul di scena il male dei talebani
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Green Pass, ottenere uno Stato totalitario instaurando un regime terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.