A- A+
PugliaItalia
FI, Fitto verso la candidatura. Vitali cala il poker rosa

Bari -  Settantadue ore in tutto per capire se Raffaele Fitto scenderà definitivamente in campo da candidato Governatore. L’ultima mediazione in corso con lo stato maggiore forzista è sul nome di garanzia chiamato a consegnare le liste azzurre per le regionali. Un segnale aperto di distensione per sopire i timori di epurazioni in extremis ma, se da Silvio Berlusconi e dal plenipotenziario pugliese Vitali, non dovesse arrivare, sarà inesorabilmente rottura e il Vicerè di Maglie tenterà in prima persona il bis sulla poltrona più alta di Lungomare Nazario Sauro. Contro Michele Emiliano ed Antonella Laricchia ma, soprattutto, contro Francesco Schittulli, che comincia a non escludere neppure il passo indietro e mercoledì tornerà nella Capitale per incontrare l’ex Cavaliere.

“Vitali come Attila”/ Showdown FI, Fitto pronto a candidarsi/ Vitali attacca, Schittulli: “Io candidato del cdx”.

La macchina è già in moto: la pattuglia dei Ricostruttori in Consiglio Regionale - dal capogruppo Ignazio Zullo ai salentini Congedo e Mazzei, passando per Barba, Pica, Boccardi Surico e Sala – ha raggiunto in mattinata l’ex Ministro direttamente nel suo studio, ottenendone piena conferma della linea: “Non vi abbandono”, avrebbe rassicurato i suoi. E in cantiere ci sarebbero ben tre liste, in primis il brand Oltre testato alle Europee, con le quali scardinare il centrodestra e condurre il braccio di ferro con FI.

Il clima è teso, la guerra interna sta lambendo gli esecutivi in carica nei Comuni e, dopo la defenestrazione dell’assessore Mangione a Corato e l’ira degli alfaniani per il rimpasto foggiano di Franco Landella, il commissario Vitali attacca a testa bassa: “Anche il vicesindaco di Valenzano è stato estromesso dalla Giunta comunale perché colpevole d'aver dato la propria disponibilità a far parte della nostra lista per le elezioni regionali”. L’avvocato francavillese tira dritto: “Metodi, assolutamente antidemocratici e improntati non al bene comune e alla meritocrazia, ma alle solite logiche di potere, non ci fermeranno. Andremo avanti per la nostra strada. E il tempo ci darà ragione”, serra le fila, calando un poker rosa per quattro vicecoordinatrici regionali, ognuna con delega al proprio territorio.

Si tratta della salentina Federica De Benedetto, già “formattatrice” e candidata alle scorse Europee con 20mila preferenze, dell’ex viceSindaco di Polignano Beatrice De Donato, dell’avvocato Rosa Caposiena per la Capitanata – consigliere comunale – e della tarantina Francesca Franzoso. “Dopo 16 anni di militanza, è la prima volta che ricopro un incarico di partito e cercherò di gestirlo come nella mia piccola azienda:  lavorando a testa bassa, con spirito costruttivo ed uno sguardo ottimista al futuro e d'amore per la nostra terra”, commenta a caldo la neo numero due salentina, De Benedetto. Attesi ad horas anche i nuovi coordinatori provinciali e i big nei grandi centri, con Irma Melini in pole per succedere a Luigi D’Ambrosio Lettieri nel capoluogo.

(a.bucci1@libero.it)

 

Tags:
fivitalifittopokercandidatura
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.