A- A+
PugliaItalia
Francigena nel Sud, verso la Puglia e il Mediterraneo. La meta: Gerusalemme

L’Assemblea generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha approvato a Roma la nuova mappa per la via dei pellegrini: la Francigena verso Sud, verso la Puglia, il Mediterraneo e Gerusalemme. Una riunione di portata storica a Roma in Campidoglio - Palazzo Senatorio, nella prestigiosa sala "Pietro da Cortona" dei Musei Capitolini, per l'Assemblea generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF): è stata approvata da parte degli oltre cento soci, Regioni ed Enti locali che da vent’anni sostengono il grande itinerario culturale che da Canterbury giunge a Roma, la proposta di proseguire verso Sud, verso la Puglia, il Mediterraneo e Gerusalemme.

Ceschin Rutelli
 

Proprio quando Papa Francesco annuncia per il 2016 il Giubileo straordinario dedicato alla misericordia, viene finalmente precisato il percorso della via Francigena, il fascio di strade che sin dall’Alto Medioevo collega il Nord Europa a Roma e dall'interno del territorio di Roma Capitale, il cui tracciato sarà aperto per il Giubileo, prosegue fino in Puglia verso Gerusalemme.

All’assemblea hanno partecipato due autorevoli esponenti politici, grandi amici della Francigena: l'eurodeputato Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura del Parlamento Europeo, e Francesco Rutelli, già Sindaco di Roma e Ministro dei Beni Culturali, incaricato dal Vaticano per migliorare il sistema di accoglienza dei pellegrini a Roma e l’ingresso a nord attraverso il Parco dell’Insugherata e di Monte Mario.

AEVF, in veste di “rete portante” della Via Francigena per incarico ufficiale del Consiglio d’Europa, si è adoperata in questa direzione e, attraverso l’istituzione del coordinamento delle Regioni del Mezzogiorno, con l’autorevole supporto di Società Geografica Italiana, è giunta alla formulazione del Dossier di candidatura e quindi alla votazione finale. Un passo indispensabile del cammino di riconoscimento che ora conduce a Lussemburgo, all’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali e al Consiglio di Direzione dell’Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa.

Ceschin Campidoglio2
 

"Sono davvero felice per questa occasione straordinaria che si apre per la Puglia e per il Mezzogiorno d'Italia - ha commentato l’Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Silvia Godelli - la via Francigena che giunge fino all'estremo meridione d'Europa, con lo sguardo spinto al di là del mare, verso la Terra Santa, non sarà solo una emozionante rievocazione storica, ma anche una meravigliosa occasione di scoperta dei territori, di coinvolgimento delle comunità, di dialogo interculturale e interreligioso".

"La Puglia come meta turistica - ha qundi aggiunto Silvia Godelli - ma anche come crocevia delle culture e dei popoli, così come è accaduto nei secoli passati e come accadrà ancora, realizzerà anche in questo caso una magica coniugazione tra tradizione storica e modernità".

E’ così che, a tre anni dall’adesione di Regione Puglia e Regione Lazio, cui sono seguite quelle delle altre Regioni, è approdato in Assemblea un percorso condiviso e unitario: “Il via libera alla Via Francigena nel Sud costituirà il presupposto di un progetto integrato di cultura e turismo in grado di rispondere alla tendenza corrente orientata all’incontro, alla conoscenza, all’esperienza", ha spiegato il presidente AEVF, Massimo Tedeschi, "Ciò è ancor più vero nel momento in cui la Chiesa cattolica indice il Giubileo la cui filosofia è in perfetta sintonia con quella della Francigena, poiché Francigena è anche percorso di dialogo interculturale ed interreligioso collegante grandi centri mondiali di spiritualità: Canterbury, Santiago di Compostela, Roma, Istanbul, Gerusalemme”.

Francigena Sud
 

“Un percorso di importanza straordinaria” – secondo Simone Bozzato, segretario generale di Società Geografica – che si presenta come occasione per contribuire al rilancio del turismo nel Mezzogiorno del Paese, che ancora fatica ad attrarre i turisti stranieri che visitano l'Italia, riuscendo a conquistarne soltanto il 13,2%. Al momento giusto, alla vigilia della nuova programmazione comunitaria 2014-20”.

Ceschin Campidoglio
 

Il fascio di vie che attraversa le aree interne e punta ai porti dell’Adriatico, verso Oriente e la Terra Santa, trova in Regione Puglia un vero e proprio motore; prova ne è la nuova sede AEVF di Foggia aperta in stretta collaborazione con Pugliapromozione: “La Puglia è tutta Francigena – spiega Giancarlo Piccirillo, direttore di Pugliapromozione – un lembo di terra immerso nel Mediterraneo, un crocevia di culture da scoprire lentamente, lasciandosi sorprendere ad ogni passo dalla varietà dei suoi paesaggi e dei suoi infiniti motivi di bellezza”.

"Beh, che dire? Finalmente, ci siamo!", ha chiosato con orgogliosa soddisfazione Federico Massimo Ceschin, "Dopo il primo passo con gli Stati Generali di Bari (novembre 2014), ora l'approvazione del Dossier di candidatura da parte dell'Assemblea Generale AEVF. Poi altri due passi verso Lussemburgo e Bruxelles per il riconoscimento ufficiale: un risultato che ancora soltanto tre anni fa appariva inarrivabile".

Infatti, dopo l’approvazione da parte dell’Assemblea generale AEVF, il Dossier di candidatura sarà vagliato a Lussemburgo nella riunione del Consiglio di Direzione dell’Accordo Parziale del prossimo 28 aprile.

Da registrare infine, l'intervento all'assemblea di Fabio Dialmi, vicepresidente della Associazione Europea della Via Egnazia, con sede a Tirana, itinerario che integra idealmente e fisicamente la Via Francigena e che conduce da Durazzo, città portuale albanese, all’antica Costantinopoli, oggi Istanbul, attraverso l'antica via consolare romana.

(gelormini@affaritaliani.it)

--------------------------------

Pubblicato sul tema: da Brindisi a Matera
Lungo Via Appia e Francigena del Sud">"Appiedi" da Brindisi a Matera Lungo Via Appia e Francigena del Sud

Iscriviti alla newsletter
Tags:
francigenapugliasudmediterraneogerusalemme
i blog di affari
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
di Avv. Francesca Albi*
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.