A- A+
PugliaItalia
Lettieri

"L'altro giorno abbiamo denunciato l'odissea dei fornitori ospedalieri pugliesi, che vantano crediti dalla Regione Puglia per oltre 2 miliardi di euro, una somma che deriva da servizi già forniti e non pagati a dispetto delle leggi vigenti e di ogni elementare senso di responsabilità", dichiara Luigi d'Ambrosio Lettieri, Coordinatore PdL Grande Città di Bari, "Oggi la maglia nera della Puglia nei cosiddetti residui passivi è certificata da uno studio divulgato oggi da Il Sole24 Ore".

"I debiti contratti verso le imprese fornitrici, naturalmente non solo nel settore sanitario, ammontano a 10 miliardi di euro, più del Lazio e della Campania. E mentre il governo Vendola e la maggioranza che lo sostiene sono impegnati ormai da tempo in un corpo a corpo politico ed elettorale sul territorio nazionale quanto su quello regionale, per arrivare in Parlamento o ipotecare la poltrona della Regione e del capoluogo", continua il senatore, "le imprese non trovano gli interlocutori che invece dovrebbero rispondere a questo scempio e ricercare soluzioni credibili".

"È sotto gli occhi di tutti cosa significhi per una azienda non vedere onorati i pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni: lo spettro del fallimento e della disoccupazione. Senza contare l'aspetto etico e le conseguenze anche sulle casse pubbliche e sui cittadini".

"È evidente", conclude d'Ambrosio Lettieri, "che a questa maggioranza non interessa nulla di quel che accade alle aziende della nostra regione, se non in termini strumentali quando si annunciano urbi et orbi improbabili e miracolosi risultati".

Tags:
d'ambrosio lettieripdlpugliadebitiresidui passivisole24oremaglia
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.