A- A+
PugliaItalia
Stefàno: 'Il Gargano non s'accontenta di promesse'

“La Legge di Stabilità non ha inserito il Gargano nella lista delle zone esentate dal pagamento delle imposte, un ennesimo schiaffo a questo territorio. Non capisco il motivo di questo ostinato ostracismo”. Lo denuncia il senatore pugliese Dario Stefàno, intervenendo in Aula al Senato durante la discussione dopo l'informativa del Governo sui recenti eventi alluvionali.

“Sono passati - ha detto Stefàno - più di 45 giorni dall'alluvione che ha devastato il territorio del Gargano, portandosi via due vite, distruggendo 14 comuni della Puglia, e che ha visto l'avvio da parte della Procura di Foggia di indagini su ipotesi di reato quali disastro colposo, omicidio colposo, violazione delle leggi urbanistiche e omissione d’atti di ufficio. Ad oggi, abbiamo incassato solo la promessa sulla dichiarazione immediata dello stato di emergenza e lo stanziamento di fondi ad hoc da parte del presidente del Consiglio”.

Stefàno DarioPP
 


“Lo scorso 30 settembre durante il Consiglio dei Ministri è stata proposta la delibera per lo stato di emergenza del Gargano, ma si è deciso di non procedere perchè non vi erano sufficienti coperture finanziarie per le prime, iniziali, richieste avanzate dalla Protezione Civile”.

“Non incoraggiano nemmeno - ha sottolineato Stefàno - le notizie che arrivano dal Ministero dell'Agricoltura con l’inserimento della provincia di Foggia nell'anticipo dei premi Pac, la misura riguarda tutte le imprese agricole italiane. Non si comprende la ragione per cui a tutt'oggi non si è ancora disposto un benché minimo stanziamento di risorse in ragione della situazione emergenziale che ha investito un territorio tra i più vocati alla produzione agricola del nostro intero Paese”.

“Non trovo obiezioni in grado di trattenere le critiche per la mancata dichiarazione di stato di calamità naturale per questi territori da parte del Ministero dell’Agricoltura. Mi riferisco ad iniziative in grado di permettere la riduzione dei contributi INPS, ad esempio, e il congelamento delle scadenze bancarie legate ai prestiti agrari, essenziali per stimolare una ripresa dell’attività produttiva ad aziende agricole danneggiate da avversità atmosferiche o calamità naturali”.

“L'agenda di governo, come sappiamo, è ricca di impegni – ha concluso Stefàno - ma non vorrei però che anche il non più rinviabile piano contro il dissesto idrogeologico finisse nelle maglie del silenzio”.

------------------------

Sullo stessa tema: Gargano, d'Ambrosio Lettieri: 'Solo 180 mln. €.…

                                Gargano: la ciambella di Vendola Il governo…

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stefànograganopromessealluvionigoverno
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.