A- A+
PugliaItalia

 

Surbo (foto:trnews)Bari – Tenta una rapina in ricevitoria ma non solo non riesce, viene anche picchiato dagli avventori del locale. Succede a Surbo, nel leccese, quando Andrea Rosafio, 36enne già agli arresti domiciliari, decide di approfittare dell’ora di pranzo per azzardare un colpo nel locale centro di scommesse "Elen@ Point": si copre il volto, si fa consegnare dalle commesse contanti, cellulari e chiavi del bagno, colpisce nella foga un cliente con il calcio della pistola. Poi l’idea di chiudere gli altri nella toilette per fuggire indisturbato.
 
Se non fosse che una distrazione del maldestro rapinatore consente a due dei malcapitati di avventarsi contro di lui, prima che alla colluttazione si aggiunga anche un terzo di loro: l’idea del colpo è definitivamente sfumata e all’arrivo dell’Arma, a pochi mesi dopo l’arresto a dicembre scorso per violazione degli obblighi di sorvegliato speciale, il bottino del recidivo malvivente consiste in una frattura agli zigomi medicata dagli infermieri del Vito Fazzi. Ad attenderlo, ora, le accuse di rapina a mano armata ed evasione.
 
(a.bucci1@libero.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
surboleccerapinacentro scommessecronacapuglia
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.