A- A+
PugliaItalia
Taranto, Emiliano invoca l’Assemblea. Minervini e Sel sulle barricate

Bari – Il cerino delle Province rischia di bruciarsi tra le mani di Michele Emiliano. Il segretario regionale dei democratici chiede di convocare al più presto l’Assemblea del partito chiamata a sbrogliare la matassa tarantina e che lo si faccia nella città dei due mari per consentire agli iscritti del territorio di partecipare ai lavori. E a poco valgono le parole del forzista Gianfranco Chiarelli, tese a minimizzare le larghe intese che hanno portato all’elezione dell’azzurro Tamburrano con parte dei voti Pd: il primo atto del neo presidente è la nomina del democratico Azzaro come proprio vice, sancendo definitivamente l’abbraccio bipartisan. “Emiliano faccia quello che fanno i segretari politici in casi come questi: azzeri la classe dirigente tarantina e metta fuori dal partito i responsabili. Se non è in grado di farlo, si dimetta”, tuona Guglielmo Minervini, dopo l’accusa di aver colpito sotto la cintura.

Taranto, Emiliano sconfessa i dissidenti: “Si dimettano”/ Tamburrano, vincono le larghe intese/ Ufficiali le liste: Bat e altre fibrillazioni

Se stessimo dalla stessa parte anzichè speculare sarebbe più facile risolvere questa brutta storia”, gli rimbrotta via social, il Gladiatore, ma a fare quadrato sono anche Dario Stefàno e i Giovani Democratici ionici, schierati a favore delle dimissioni del numero uno provinciale, Walter Musillo, già chieste dalla Presidente Anna Rita Lemma. “Emiliano preferisce passar per un segretario incapace piuttosto che inimicarsi i grandi elettori di Tamburrano?”, lascia rimbombare nell’aula del Consiglio regionale il vendoliano Losappio, inchiodando l’ex Sindaco di Bari alla scelta strategica: “commissariare” la governance ionica sarebbe - di fatto - uno schiaffo a Pelillo e Mazzarano, dall’esito elettorale per nulla trascurabile in vista delle Regionali. Dall’altro lato, una soluzione tampone gli lascerebbe il fianco scoperto agli attacchi degli avversari: “Ha assolto il deputato ed il consigliere registi ed alfieri di questa ‘innovazione’ perché non votanti. Il contrario della trasparenza e dell’etica in politica è proprio questa pratica neo-moderata di ‘coprire e sopire’, comprendere tutti e minimizzare sempre, che sembra distinguere il candidato alla primarie del Pd”, provano a mettere il carico dal partito del Governatore.

 Emiliano blinda i nomi: "No alle larghe intese"/ Vendola: "Se Pd con Ncd, è senza Sel"/  Emiliano spegne i fuochi: “Solo presidenti di csx”

E una nuova grana rischia di scoppiare anche nella Bat, dove il centrista biscegliese Francesco Spina figura come aspirante presidente per il centrodestra, dopo aver trattato - fino a poche ore prima della consegna delle liste - con l’altra metà campo. “Spina voleva essere il candidato presidente sostenuto dal centrosinistra. I Sindaci del centrosinistra che, pur in minoranza, senza ragione e per motivi personali, non hanno voluto stringere un’alleanza con l’Udc nella Bat, se per questa ragione non riusciremo a fare un’alleanza regionale con l’Udc, se ne assumeranno la responsabilità”, consegna ad un’ intervista televisiva il segretario, ottenendone ulteriori barricate da parte di Sel e malumori diffusi nello stesso recinto dem. In trincea, almeno per ora.

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
emilianotarantoassembleaminerviniselpd
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.