A- A+
PugliaItalia
Taranto: Salvini e Lega Nord cacciati ai cancelli dell'Ilva

di Antonio V. Gelormini

Seminano vento e raccolgono tempesta. Non basta a Matteo Salvini ed alla Lega Nord dire "Basta all'Euro", per conquistare attenzioni, simpatie e consensi al Sud in vista delle Elezioni Europee del 25 maggio.

Impossibile tenere il comizio a Napoli, dove le provocazioni del leader della Lega Nord sono state respinte non con i forconi, ma con le insegne del Regno delle Due Sicilie al grido di "La vera carogna sei tu" (con evidente riferimento all'altro leader, quello degli ultrà dello stadio partenopeo, contestato e assorto agli onori della cronaca in questi giorni).

Ma anche a Taranto non è andata diversamente. Matteo Salvini è stato cacciato dai cancelli dell'Ilva dai manifestanti e non ha potuto tenere la prevista conferenza stampa. Declinato anche un incontro richiesto con la dirigenza del siderurgico. "Ero venuto a Taranto per proporre una soluzione - ha detto con rammarico Salvini - non pretendo sia l'unica, per mantenere la produzione industriale in Italia, acciaio compreso, che prevede la battaglia della Lega in Europa".

Salvini Napoli
 

Prima del suo arrivo a Taranto, i Verdi avevano ricordato e denunciato il protagonismo della Lega nell'approvazione del primo "Salva Ilva", secondo loro complice del disatro ambientale: "Matteo Salvini, senza provare vergogna, oggi va a fare la sua conferenza stampa di fronte ai cancelli dell'Ilva, dimenticando come la Lega si sia opposta in ogni sede parlamentare europea e nazionale ad un futuro diverso per Taranto".

A dichiararlo il leader dei Verdi e consigliere comunale di Taranto Angelo Bonelli che aggiungeva: "La Lega Nord è stata complice di tutti quei provvedimenti che hanno contribuito ad aumentare l'inquinamento ambientale da diossine nella città di Taranto come l'approvazione del decreto approvato nell'agosto del 2010 voluto dal governo Berlusconi e votato dai ministri e parlamentari leghisti che aumentava i limiti per il benzoapirene approvato: fu quello il primo decreto salva Ilva votato dal parlamento grazie alla Lega nord".

Bonelli TA
 

"Un decreto che condannava i tarantini a prendersi più diossina, quel decreto, sulla cui approvazione ci fu una richiesta diretta dei Riva affinché fu approvato anche grazie alla Lega Nord. La Lega Nord in linea con la politica contro la città di Taranto ha votato contro il decreto che destinava una somma (minima) di 119 milioni di euro per le bonifiche  con il decreto 129/2012 - concludeva Bonelli -. Matteo Salvini con la Lega Nord che è stata complice di quelle politiche che hanno inquinato l'Italia e Taranto va a Taranto a chiedere voti dopo aver combattuto e contrastato ogni speranza di riscatto dei cittadini tarantini dall'inquinamento e per ottenere un lavoro pulito e che non comprometta la salute: semplicemente senza vergogna".

(gelormini@affaritaliani.it)

 
Tags:
salvinitarantonapoliilvalega nordventotempesta
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.