A- A+
PugliaItalia
Terremoto FI, Fitto pronto a candidarsi. Vitali: “Delitto politico”

Bari – Era parsa una minaccia strategica ma il rumour che circola nei corridoi ha ormai il rango dell’ipotesi e potrebbe terremotare l’intero centrodestra: Raffaele Fitto in campo come candidato Governatore, contro Michele Emiliano e Antonella Laricchia, ma, soprattutto, contro Francesco Schittulli. A fare da detonatore al muro contro muro in atto da mesi, il vertice nella Capitale tra Silvio Berlusconi e l’oncologo gravinese, alla presenza del neo coordinatore regionale forzista, Luigi Vitali, con il quale l’ex Cavaliere ha confermato la linea dura sulle liste adottata dal commissario azzurro. Ed ora fedelissimi e sostenitori dell’europarlamentare sono in fermento, attendendo un via libera definitivo che potrebbe arrivare in tempi brevi.

Ricostruttori2
 

Il primo ad evocare la corsa del Vicerè di Maglie al dopo Vendola era stato proprio l’ex Sindaco di Bari, un’estate fa, poi la possibilità era stata invocata dai forzisti e dallo stato maggiore nazionale - in pieno corpo a corpo tra l’ex Ministro per gli Affari regionali e l’ex premier - prima di essere definitivamente sepolta dai dinieghi dell’interessato, fermo sulla necessità di affidare la designazione a primarie alle quali non avrebbe mai partecipato. “Glielo abbiamo chiesto a giugno e ha rifiutato. Ora, se Fitto pensa ad una candidatura sostitutiva rispetto a quella di Schittulli, fa uno sgarbo politico al candidato e alla coalizione che lo sostiene. Se, invece, si vuole candidare contro Schittulli, allora si tratta di un delitto politico del quale si assumerà la piena responsabilità”, commenta Vitali ad Affari.

Schittulli nicchia: “Io ero, sono e sarò il candidato presidente alla Regione Puglia per il centrodestra”, fa sapere via Twitter, ma il quadro è destinato a cambiare di ora in ora e, se la pattuglia in Via Capruzzi è già spaccata, nelle liste dei dissidenti sarebbero pronti ad entrare amministratori locali e molti big ai box, da Francesco Ventola agli uscenti Zullo e Mazzei, apertamente in dissenso con la nuova gestione del partito: “La posizione è quella di restare in FI, ma se in modo immotivato veniamo lasciati fuori dalle liste, allora si apre un'altra riflessione e non è da escludere la candidatura di Raffaele Fitto. Diamo il via ad una nuova fase”, chiariscono gli uomini dell’ex Ministro, in conclave nel capoluogo salentino. Per sapere se sarà guerra aperta, basterà una manciata di ore.

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
fittoterremotofivitaliberlusconi
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.